FINANZIARIA. NUOVE LIMITAZIONI PER I PAGAMENTI IN CONTANTI

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1456

ECONOMIA. ABRUZZO. Nuove norme per i pagamenti in contanti. Al fine di rafforzare i meccanismi anti riciclaggio il limite per l'utilizzo del denaro contante, l'emissione di assegni trasferibili ed il saldo dei libretti di deposito al portatore passa da un importo pari o superiore a 5.000,00 euro ad un importo pari o superiore a 2.500,00 euro. A partire dal 16 settembre 2011 sarà dunque  vietato il trasferimento di denaro contante (o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera) effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi per importi pari o superiori a 2.500,00 euro.Lo ha stabilito l’art. 2, comma 4, del D.L. n. 138/2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 148 del 14 settembre 2011, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 216 del 16 settembre 2011. I limiti per l’uso dei contanti, degli assegni liberi e dei libretti al portatore sono stati più volte modificati: da 12.500,00 euro a 5.000,00 nel 2008, per poi risalire a 12.500,00 euro dopo due mesi e ridiscendere a 5.000,00 euro nel 2010. 20/09/2011 16.34