BREVE

CHIETI. NASCE IL COMITATO CIVICO DI SALUTE PUBBLICA

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

77

ABRUZZO. E’ composto da Ugo Iezzi, Mario D’Alessandro, Emidio Mastrovecchio, Walter Palumbo e Adriano Ciccarone il ‘Comitato Civico di Salute Pubblica’ per portare avanti una battaglia «nell’esclusivo interesse e a salvaguardia del diritto alla salute dei cittadini per un’assistenza sempre più qualificata».

 

Il Comitato vuole informare i cittadini sui pericoli che si corrono, «vuole coinvolgerli in una sfida difficile ma gratificante per il bene sanitario comune. E’ aperto al dialogo e alla interlocuzione con altri soggetti o comitati costituitisi in altre città limitrofe, per aiutare la politica regionale a portare a compimento una riforma difficile e complessa. Condividere obiettivi e una programmazione per creare le condizioni di una vera integrazione tra gli ospedali delle due città, al fine di aumentare i livelli di assistenza che sono il vero motivo di identificazione, caratterizzazione e realizzazione di un DEA di secondo livello tra gli ospedali di Chieti e Pescara».  Il Comitato chiede su questo punto al presidente della Regione, all’assessore alla Programmazione sanitaria di definire ruoli, competenze e denominazione dei presidi di Chieti e di Pescara «n una ottica di reale integrazione, con senso di responsabilità verso tutti i cittadini dell’area metropolitana. Conflittualità e contrapposizione sanitarie tra due città che non giova al sistema, che crea uno squilibrio assistenziale che non potrà mai essere giustificato». E poi ci sono i problemi riguardanti i lunghi di attesa delle prestazioni specialistiche «e i ricoveri in barella che non sono più sopportabili».