BREVE

CORRETTO REFUSO DELL’ASL, L’EX MANICOMIO DI TERAMO NON E’ IN VENDITA

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

24

TERAMO. L’ex manicomio di Teramo da martedì scorso non è più inserito nella lista dei beni alienabili curata dall’Agenzia del Demanio.

A causa di un refuso della Asl, infatti, l’immobile era ancora inserito nell’elenco nonostante esso sia bersaglio concordato di un finanziamento di 35 milioni previsto nel Masterplan per l’Abruzzo vigente e sottoscritto.

La situazione, spiega il consigliere regionale Luciano Monticelli, è stata precisata tre giorni fa, con una lettera a firma del presidente D’Alfonso, cui l’Agenzia ha dato riscontro immediato.

Dunque la struttura verrà riqualificata in questa legislatura secondo quanto previsto nel Masterplan, «dopo venti anni di polvere», sottolinea Monticelli.

L’ex manicomio occupa una porzione importante del centro storico. Lo stanziamento regionale ammonta a 35 milioni di euro, di cui 6,5 saranno sbloccati entro due anni, che coprirà in gran parte il costo dell'intervento necessario. Serviranno ancora tra cinque e dieci milioni che però, secondo il sindaco, potranno essere reperiti tramite altri canali di finanziamento.