BREVE

APPROVATO IL BILANCIO DELLA “GIULIANOVA PATRIMONIO”.

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8



GIULIANOVA. E' stato approvato nel pomeriggio di ieri, 10 maggio, il bilancio 2015 della “Giulianova Patrimonio Srl”.

«Anche quest'anno – dichiara il sindaco Francesco Mastromauro - la società è riuscita a chiudere in utile il suo bilancio nonostante sul bilancio stesso gravino tutti gli oneri derivanti dalla gestione dalle abitazioni di edilizia popolare, per le quali è necessaria una manutenzione costante a fronte di un canone irrisorio. Da sottolineare la crescita costante degli utili di tutte le gestioni e in particolare il sostanziale raddoppio degli utili della farmacia, giunti a sfiorare i 90.000 euro al netto del canone annuale di 100.000 euro versati al Comune».
Due i progetti che costituiranno il punto di svolta della “Giulianova Patrimonio”.
«Il primo – afferma l'amministratore unico Filippo Di Giambattista - è senza dubbio costituito dalla gestione, che prenderà avvio il prossimo 1 luglio, del Mercato Ittico, in relazione al quale ci impegneremo, attraverso una serie di penetranti modifiche,  al suo rilancio. Il secondo è costituito dai PUC, i Piani Urbani Complessi, uno strumento teso alla riqualificazione urbana che prevede infatti la realizzazione di 18 alloggi di edilizia sociale in locazione a canone concordato, riservati a giovani coppie, in Via Bellini insieme con la realizzazione di un parcheggio pubblico di 1.540 mq. e il completamento di Via Pintor; la ristrutturazione di altri 18 alloggi, sempre a canone concordato ed egualmente riservati a giovani coppie, ubicati nei palazzi Massei e Roscioli nella parte alta della città, nonché la ristrutturazione di un immobile da destinare a casa alloggio per anziani su Corso Garibaldi e la realizzazione di due botteghe artigiane in Via della Rocca. A questi vanno aggiunti gli interventi riguardanti la ristrutturazione dei piani superiori e del seminterrato del Kursaal, del quale verrà costruita la passerella di collegamento dell'ascensore mai entrato in funzione. Insomma interventi di ampio respiro e di grande incidenza che comporteranno un impegno finanziario di 4,5 mln di euro».