BREVE

POLITICA. ITALIA UNICA SI PREPARA ANCHE IN ABRUZZO

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

67

 

ABRUZZO. Italia Unica, il movimento fondato da Corrado Passera, si avvicina alla sfida elettorale per il rinnovo delle amministrazioni comunali in Abruzzo. Alla conferenza stampa di oggi a Pescara sono intervenuti il coordinatore nazionale, Lelio Alfonso e quello regionale, Renato Ranieri insieme al coordinatore dell’Abruzzo di Idea, Mauro di Dalmazio. E’ stata anche l’occasione per la presentazione ufficiale dei coordinatori provinciali di Italia Unica, Nicola Scandurra per Teramo, Sonia Sorgi per l’Aquila e Rita Miucci per Chieti e per dare l’avvio alla sfida delle Amministrative in sinergia con il movimento di Gaetano Gagliariello.

«Sono felice -ha detto in conferenza il coordinatore di IU, Alfonso- di essere qui proprio oggi, in una data così significativa per tutto il territorio abruzzese e in particolar modo per i cittadini de L’Aquila che ricordano oggi il terremoto devastante del 2009».
«Il nostro movimento -ha poi spiegato Alfonso- e il progetto di costruzione di una grande rete civica nazionale in alternativa alla sinistra e ai populismi dannosi per le città e il Paese, cresce ogni giorno. Anche qui in Abruzzo, grazie al lavoro prezioso e capillare di Renato Ranieri, Italia Unica è pronta a presentare liste e candidati per le prossime Amministrative».

«Stiamo avendo in queste settimane -ha aggiunto Ranieri- numerose adesioni a IU da parte di esponenti regionali del centrodestra, evidentemente delusi e scoraggiati da scelte politiche incomprensibili -per loro e per gli elettori- che i leader nazionali stanno portando avanti, dimentichi del nostro territorio e di un elettorato che non si riconosce nella demagogia urlata e inconcludente. Mi impegnerò personalmente con grande attenzione per la città di Pescara su cui nei prossimi mesi concentreremo, insieme al presidente Corrado Passera, le nostre forze sin dopo le elezioni al fine di presentare un progetto vincente e aggregante».