BREVE

AMBIENTE, FINANZIATO IL PROGETTO “IL MIELE DELL’ORSO”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

16

AMBIENTE. ABRUZZO. Il legame tra le api e l’orso è ben noto e non solo perché   quest’ultimo è ghiotto di miele, ma soprattutto perché la sua dieta  onnivora è strettamente legata alle piante da frutto, per le quali le  api svolgono un ruolo fondamentale nel processo di impollinazione.  
L’orso bruno marsicano e  l’ape mellifera ligustica o ape italiana sono profondamente minacciati dalle alterazioni degli  ecosistemi apportate dall’uomo. Se nel caso del plantigrado il rischio di estinzione è, purtroppo, concreto, nemmeno le piccole api se la passano meglio. Il loro decremento è un fenomeno preoccupante proprio per lo stretto rapporto che hanno con la vita sulla Terra.
Per queste ragioni, Patagonia, il noto marchio di abbigliamento sportivo, e la Fondazione Tides hanno deciso di finanziare con 5.000  dollari (circa 4.500 euro) il progetto di Salviamo l’Orso “Il miele  
dell’orso” (The bear’s honey), scritto da Mario Cipollone, in  collaborazione con le Angela Tavone, Samantha Lincoln e Nichola  Ciera.
Il progetto è finalizzato a favorire la biodiversità degli ecosistemi  attraverso l’acquisto di arnie e di sciami di api ligustiche e a  ridurre i conflitti tra l’orso marsicano e le attività umane, una delle principali cause di mortalità e di potenziale scomparsa della  specie, con la cessione agli apicoltori aderenti all’iniziativa di  
recinzioni elettrificate per prevenire danni da orso.