BREVE

SERD E DIPENDENZE:«2MILA PERSONE NON POSSONO ESSERE ASSISTITE»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

31

 

PESCARA. Il sindaco, Marco Alessandrini, il presidente della Commissione Sociale Tonino Natarelli, la consigliera comunale Daniela Santroni hanno incontrato gli operatori del Serd di Pescara. Era presente anche il responsabile cittadino del Pd Moreno Di Pietrantonio. Un incontro cercato dalla struttura e voluto dall’Amministrazione per fare il punto sulla situazione delle dipendenze in città e per raccogliere proposte e progetti da trasformare in un programma operativo in sinergia fra enti.

«Alcune delle proposte emerse», ha detto Alessandrini, «sono in via di lavorazione, come l’Ordinanza sul gioco d’azzardo patologico che sarà firmata entro breve con disposizioni per limitare il tempo di accesso al gioco, ma anche la necessità reclamata a gran voce da più parti di un centro di aggregazione giovanile a cui ci siamo impegnati anche attraverso diversi bandi europei che speriamo di veder andare a buon fine».

Il Serd cura circa 1.000 persone in totale ma le liste di attesa sono lunghissime con una stima di almeno 2.000 soggetti che restano fuori. Fra le tossicodipendenze, oltre alla cocaina c’è quella da eroina tornata in auge per via di una sostanza chimica facilmente reperibile dai ragazzi anche perché poco costosa. In aumento anche le dipendenze da alcol e gioco.