BREVE

TRIBUNALE ORDINA RIABILITAZIONE A INVALIDO E CONDANNA LA ASL

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

611

 

SULMONA. È stato accolto dal Tribunale di Sulmona il ricorso d'urgenza presentato da un disabile sulmonese che aveva dovuto cessare la riabilitazione, dallo scorso gennaio in quanto dichiarato fuori 'setting' dalla Asl. Il giudice ha, invece, stabilito che il paziente ha diritto alla terapia di riabilitazione condannando la Asl al pagamento di 600 euro. Secondo l'avvocato del Tribunale dei diritti del malato, Catia Puglielli, si tratterebbe di una sentenza che «segna il primo precedente giudiziario nella nostra regione».

 Il legale ha spiegato di aver seguito molti casi simili soprattutto ad Avezzano, dando vita ad una vera battaglia in quanto «si ritenevano fuori setting, non eleggibili al sistema di riabilitazione, tutti i pazienti che non potevano migliorare nella loro disabilità, i quali secondo la Asl, non avrebbero diritto alla riabilitazione ex articolo 26».

«Il caso giudiziario di Sulmona - conclude Puglielli - che si è concluso positivamente è un importante precedente perché rappresenta anche un atto di indirizzo per le altre magistrature in una materia piuttosto complessa».