BREVE

INCHIESTA MARE - MONTI: PROVE AMMESSE, SI TORNA IN AULA IL 17/6

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

435

 

PESCARA. Ammesse le prove oggi al processo riguardante la realizzazione della S.S. 81 (Mare-Monti), che conta tra gli undici imputati l'attuale presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, e gli imprenditori Carlo, Alfonso e Paolo Toto. D'Alfonso, che e' accusato di falso e truffa, e' imputato in qualita' di ex presidente della Provincia di Pescara. Il Tribunale collegiale di Pescara ha fissato la prossima udienza al 17 giugno, ore 10, per il giuramento del consulente incaricato, su richiesta del pm Gennaro Varone, di trascrivere le intercettazioni di 14 telefonate. Le altre persone imputate sono il progettista della strada Carlo Strassil, arrestato il 19 aprile 2010; l'ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana Fabio De Santis, responsabile del procedimento (coinvolto nell'inchiesta sulla cricca del G8 della Maddalena); Valeria Olivieri, commissario straordinario; Cesare Ramadori, del cda della Toto; Paolo Lalli, direttore dei lavori; Michele Minenna, dirigente Anas; Angelo Di Ninni, incaricato dalla Provincia di Pescara di valutare l'incidenza ambientale della variante. Gli imputati devono rispondere, a vario titolo, di corruzione, truffa aggravata, falso ideologico, concussione. Per l'accusa l'appalto sarebbe stato stravolto per renderlo vantaggioso per l'impresa Toto.