BREVE

TRE CONDANNE PER PIATTAFORMA ECOLOGICA S. BENEDETTO TRONTO

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

760

 

ASCOLI PICENO. Il giudice del Tribunale di Ascoli Piceno Marco Bartoli ha condannato tre imprenditori, due fratelli di sant'Egidio alla Vibrata (Teramo) e una donna ascolana, per la gestione non autorizzata di una discarica di rifiuti pericolosi nella Piattaforma ecologica del Comune di San Benedetto del Tronto. La donna, una 37enne imputata in veste di amministratore di diritto della società che gestiva la piattaforma, è stata condannata a un anno e due mesi d'arresto e 10.000 euro di ammenda; due fratelli di Sant'Egidio alla Vibrata (Teramo) di 51 e 55 anni, amministratori di fatto, sono stati condannati a 2 anni e 30.000 euro di ammenda. Il giudice ha anche stabilito che i tre corrispondano in solido al Comune di San Benedetto una provvisionale di 500.000 euro per i costi di smaltimento e recupero dell'area e per il danno di immagine, essendo la città una località turistica. Secondo l'impianto accusatorio, nella Piattaforma ecologica sarebbe stata realizzata una discarica non autorizzata di rifiuti pericolosi e non pericolosi: rifiuti ospedalieri, oli, rifiuti chimici e resine, tutto senza l'autorizzazione prescritta.