BREVE

INQUINAMENTO, ARTA ACQUISISCE CENTRALINA DI VIA SACCO

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

593

 

PESCARA. L’Arta Abruzzo ha acquisito la centralina automatica di rilevazione della qualità dell’aria di via Sacco, a Pescara, e l'attigua centralina metereologica. 
Le apparecchiature sono state trasferite gratuitamente all'Agenzia dalla Società Sacci, titolare del cementificio di Pescara, non più in attività. 
La gestione diretta dei sensori di rilevamento della qualità dell’aria, già in funzione da alcuni anni, è stata sempre a carico dell'Arta, così come la validazione dei dati e il loro controllo in continuo; invece, fino al passaggio di consegne tra la Società Sacci e l'Agenzia, la manutenzione degli strumenti veniva curata da una ditta specializzata. 
La centralina di via Sacco venne attivata in seguito al provvedimento di “Autorizzazione Integrata Ambientale” in virtù del quale ha operato per anni il cementificio di Pescara e la scelta dell’ubicazione è derivata dalle richieste dei cittadini, ma anche dai risultati delle previsioni di ricaduta degli inquinanti nell'atmosfera, ottenute mediante complessi modelli matematici. 
Oggi, con la cessazione dell’attività, non sussiste più da parte della Società Sacci l’obbligo del monitoraggio della qualità dell’aria e pertanto la Direzione della ditta ha deciso la cessione della strumentazione di via Sacco. 
L’Arta ha ritenuto opportuna l'acquisizione della centralina per il monitoraggio della qualità dell'aria in quanto l'area urbana intorno alla stazione di rilevamento è strategica per la valutazione dell’inquinamento atmosferico, come peraltro stabilito nel Piano Regionale di Risanamento della qualità dell’aria che la definisce “zona rossa” per il compenso degli elementi di criticità presenti. 
L'Agenzia, dunque, si farà carico in futuro degli oneri di funzionamento della centralina sia in termini di risorse umane che di costi economici.
Si garantirà così la continuità delle serie storiche di dati sull'aria di via Sacco e la città seguiterà ad avere a disposizione preziose informazioni sull’andamento di polveri sottili e ossidi di azoto nella zona.