BREVE

FERRANTE: «DISABILITÀ, MONTESILVANO DÀ IL BUON ESEMPIO»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

498

CRONACA. MONTESILVANO. «Un’esperienza arricchente che ci ha permesso di portare la  testimonianza su quanto fatto sino ad oggi nella nostra attività quotidiana». Così Claudio Ferrante, responsabile dell’Ufficio Disabili del Comune di Montesilvano, ha commentato la sua partecipazione al seminario "Autonomia Indipendenza Inclusione”, organizzato, in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità, dal gruppo di ricerca BETHA (Built Environment Technologies and Healthy Architecture) che opera presso il Dipartimento di Architettura dell'Università G. d’Annunzio di Chieti - Pescara e la neo costituita Associazione ONLUS I.S.S.I.  - International Scientifici Society Inclusive. Ferrante è stato uno dei relatori al convegno, che si è svolto presso la Facoltà di Architettura di Pescara, invitato ad illustrare le buone prassi sviluppate dall’Ufficio Disabili del Comune di Montesilvano divenuto ormai punto di riferimento regionale e nazionale in materia di disabilità.
«Il convegno – spiega ancora Ferrante - ci ha dato l’occasione di raccontare alcuni dei progetti che abbiamo condotto come Ufficio Disabili, volti ad abbattere le barriere architettoniche e culturali. Abbiamo parlato di domotica e di accessibilità universale. Inoltre abbiamo illustrato la nostra adesione, unico caso in Abruzzo, alla Convenzione Onu sui diritti della disabilità». Secondo i dati forniti dall’Ufficio, a Montesilvano ci sono circa 2500 disabili, ma la disabilità coinvolge almeno 20.000 persone tra familiari, medici, infermieri, fisioterapisti, logopedisti, badanti, assistenti personali, autisti scolastici o insegnanti di sostegno, oltre a tutti quei professionisti come costruttori di protesi, geometri o architetti. La percentuale delle persone in qualche modo toccate dalla disabilità sale così al 40% della popolazione montesilvanese.