BREVE

COMUNE NAVELLI NON FORNISCE ATTI, CONSIGLIERE COMUNALE CHIEDE INCONTRO CON PREFETTO

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

998





POLITICA. NAVELLI. Il consigliere comunale di Navelli, Gaetano Cantalini, ha inviato una richiesta di incontro urgente al prefetto di L’Aquila Francesco Alecci  per denunciare «le continue violazioni dei più elementari principi di democrazia e di rispetto per il ruolo della minoranza da parte dell’amministrazione e dagli uffici comunali di Navelli in relazione alle ordinarie e legittime prerogative dei consiglieri di opposizione, come la mancata possibilità di avere visione o copia degli atti amministrativi o il mancato riscontro di diverse interrogazioni con risposta scritta».
«Non è più tollerabile l’azione scientemente attuata, in quattro anni ormai», protesta Cantalini, «da un’amministrazione irrispettosa delle norme giuridiche e degli articoli statutari che regolano il rapporto democratico tra maggioranza e minoranza». Risale soltanto a qualche giorni fa l’ultimo diniego, racconta il consigliere comunale, «espresso questa volta dal segretario comunale, ad un’istanza d’accesso ad una nota di chiarimenti del sindaco al Prefetto di L’Aquila sulla mancata pubblicazione di documenti prodotti in una seduta consiliare convocata per discutere in merito al procedimento penale che ha visto coinvolti lo scorso anno il sindaco stesso, l’ex sindaco Paolo Federico, attuale Vicesindaco, e alcuni tecnici comunali per il reato di abuso d’ufficio nell’ambito dell’attività connessa alla ricostruzione post sisma, conclusosi con sentenza emessa dal GUP presso il Tribunale di L’Aquila Dott. Giuseppe Romano Gargarella di non luogo a procedere perché il fatto non costituisce reato».