BREVE

MORTO DON GIORGIO SOAVE

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3199

 

            CASTIGLIONE MESSER RAIMONDO. «Un prete venuto da lontano a dare il suo significativo apporto alla pastorale diocesana». È monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo a ricordare don Giorgio Soave, il parroco di Castiglione M.R., sponda teramana della chiesa di Pescara-Penne, morto, improvvisamente ieri pomeriggio.

            Don Giorgio, nato Lavagno (Vr) l’8 marzo del 1943 e ordinato il 2 luglio del 1970 da monsignor Antonio Iannucci, era arrivato in Pescara dopo la formazione nei buoni fanciulli di don Calabria e nell’istituto teologico di Verona e Ferrara. Vicario parrocchiale a Pescara, nella chiesa dello Spirito Santo, per un breve periodo, era stato nominato parroco di Appignano (Te) nel 1973, parrocchia che ha continuato a guidare anche dopo la nomina di parroco in San Donato M. in Castiglione M. R. nel 1994 e di San Giovanni Bosco in Piane di Castiglione nel 2005.

            «Fedele alla parrocchia assegnata – continua mons. Valentinetti – aveva espresso il desiderio di tornare dalle sue parti. È stato un prete che viveva con molta serenità e soprattutto con tanta gioia il suo ministero presbiterale».

            Martedì 15, alle 15, in Castiglione M.R. (Te) la celebrazione delle esequie. Il sacerdote sarà, poi, sepolto in Verona dopo una messa in suffragio, mercoledì, nella città veneta.