BREVE

PESCARA, CHIUSA AL TRAFFICO PER FRANA STRADA VICINALE CIAFARDELLA

Alla messa in sicurezza dovranno provvedere gli 11 proprietari dell’area

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1065

PESCARA. E’ stata firmata la nuova ordinanza con la quale il Comune ha disposto l’immediata messa in sicurezza della scarpata di frana di strada Vicinale Ciafardella.

La frana iniziata in occasione delle piogge del 13 e 14 settembre si è ulteriormente aggravata a seguito dell’alluvione che il primo e 2 dicembre scorsi ha investito Pescara. All’intervento, limitato alla sola scarpata di frana che ha determinato lo scivolamento sulla sede stradale, oggi chiusa al traffico, dei detriti, dovranno provvedere gli 11 proprietari privati delle aree. In caso di inadempienza per loro scatterà una denuncia penale, mentre sarà il Comune a provvedere per poi recuperare le spese a carico degli stessi proprietari.

L’amministrazione comunale, dopo un sopralluogo dei propri geologi, ha ritenuto opportuno adottare, a tutela dell’incolumità dei residenti, un provvedimento di chiusura al traffico della strada. «Sul posto», spiega l’assessore Berardino Fiorilli, «anche in questo caso abbiamo effettuato le opportune indagini d’emergenza affidate a una squadra dei geologi incaricati su convenzione con l’Ordine professionale e nella loro relazione tecnica si evidenzia ‘che il dissesto franoso risulta essere ancora in una fase ‘attiva’ e che quindi potrebbe evolvere in nuovi episodi franosi’. A questo punto, si considera sussistente il grave e imminente pericolo per l’incolumità a cose e persone determinatosi da tale situazione, che potrebbe ulteriormente peggiorare a seguito di eventi naturali e meteorologici. Quindi, ritenuta la necessità di procedere con immediatezza e urgenza alla messa in sicurezza della scarpata di frana, al fine di eliminare e scongiurare i gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana, abbiamo ordinato, su indicazione dell’Ufficio tecnico, agli 11 proprietari privati delle aree, ognuno per quanto di propria competenza, la messa in sicurezza, con immediatezza, della scarpata di frana e dei terreni limitrofi, attraverso interventi idonei, finalizzati alla salvaguardia della viabilità e delle abitazioni. In caso di inadempienza, come previsto ancora nell’ordinanza, sarà il Comune a intervenire d’ufficio con addebito delle spese ai privati interessati, senza alcun pregiudizio per l’eventuale azione penale in cui gli stessi privati siano incorsi».