BREVI

PADRE PROTESTA DAVANTI A CSM, «SBLOCCHI RIMPATRIO MIO FIGLIO»

Bambino sottratto da madre e portato a Bucarest

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

543



 

 

L’AQUILA. Un banchetto e un megafono per esprimere la sua rabbia e indignazione contro un'ordinanza della Corte dell'Aquila che ha bloccato il rimpatrio in Italia di suo figlio, sottratto dalla madre 7 anni fa, portato a Bucarest e da allora mai più rientrato nel nostro Paese.

Così protesta davanti al Csm Stefano Liberato, padre di un bambino di sette anni e mezzo e che da anni sostiene una battaglia giudiziaria per poter riabbracciare suo figlio. A luglio di quest'anno il tribunale civile di Teramo gli ha dato ragione, riconoscendogli l'affido esclusivo e ordinando con sentenza definitiva l'immediato rimpatrio in Italia del figlio.

E il 3 dicembre il tribunale di Bucarest ha ordinato l'esecuzione di quella decisione; ma il ritorno in Italia è stato bloccato dalla Corte d'appello dell'Aquila con un'ordinanza «scarna e incompleta» e con la quale, secondo Stefano Liberato, si è resa «inaccettabilmente complice di una sottrazione di minore che dura da più di sette anni». Liberato è deciso a portare avanti la sua protesta ad oltranza. Al suo fianco gli attivisti dell'associazione Nonne e nonni penalizzati dalle separazioni.