BREVI

ROCCA SAN GIOVANNI, «EN PLEIN DI AUMENTI»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1065


POLITICA. ROCCA SAN GIOVANNI. «Dopo l’aumento della TARSU e dell’imposta pubblicitaria del 30%, nell’ultimo Consiglio Comunale la maggioranza non fa mancare ai cittadini roccolani anche l’aumento dello 0.20% dell’IMU sulle seconde abitazioni. L’imposta sale dallo 0,76% allo 0,96% per un introito di circa 230.000 euro in più».
Protestano i consiglieri di minoranza Emilio Pio Caravaggio, Silvino D’Ercole e Fabiana Mucci. «Sono numerosi i Comuni che hanno evitato di aumentare l’imposta anche in virtù del tragico momento che stiamo vivendo e pertanto non ci siamo sottratti alla discussione e abbiamo proposto dei tagli di spesa non più rinviabili e dei recuperi di maggiori entrate che avrebbero evitato un aumento così consistente. Si precisa che con questo aumento nel versamento di novembre si dovranno recuperare anche le somme pregresse da gennaio a dicembre che comporterà a carico dei cittadini una vera e propria stangata. Non vi è stato da parte dell’amministrazione neanche il tentativo di ridurre una sola voce di spesa, tra quelle da noi proposte sul trasporto scolastico, sulle convenzioni con professionisti esterni e sulle manifestazioni estive. Come è mancata una politica per incrementare le entrate, emblematico il caso del palazzetto dello sport che resta chiuso, mentre prima dava un significativo introito. In conclusione resta la scelta più semplice, quella di far pagare il conto “salato” ai cittadini».