BREVI

Sigilli a discarica abusiva inerti nel teramano

All’interno veniva svolta attività illecita di trattamento rifiuti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1139

SILVI. La Forestale di Atri ha posto i sigilli ad un'area, situata a Silvi di circa 30mila metri quadrati.

Sigilli anche ad un fabbricato di 600 metri quadri, ad un impianto di trattamento inerti e a circa 50mila metri cubi di rifiuti edili ammassati. Al sequestro dell'impianto abusivo di trattamento e recupero di rifiuti in zona Piomba di Silvi, nel corridoio biologico del fiume Piomba (a ridosso dell'area di servizio autostradale "Torre Cerrano Est", dell'A14 Bologna-Bari) si è giunti dopo nove mesi di indagini coordinate dalla procura di Teramo che ha portato ad alcuni indagati.
I forestali avrebbero accertato la trasformazione del suolo non edificato e la realizzazione su di un'area di circa 30mila mq di una vera e propria discarica di inerti, nella quale veniva svolta l'attività illecita di trattamento rifiuti da demolizione, in assenza delle autorizzazioni urbanistiche ed ambientali. L'area, infatti, è sottoposta a vincolo paesaggistico ed è considerata zona di rispetto fluviale, stradale e fascia di rispetto autostradale.
Di fatto, però, spiegano gli inquirenti, era stata trasformata in attività commerciale e di servizio attraverso la trasformazione fisica del sito sul quale, gli unici interventi che la legge consente, sono quelli di messa in sicurezza, di consolidamento, forestazione, coltivazione agraria del suolo ed interventi finalizzati ad ospitare strutture ricreative per lo sport ed il tempo libero (campi da tennis, calcetto, campi da golf).