BREVI

Falso e truffa per la custodia dell’eredità: confermata condanna

L’uomo trasse in errore il magistrato'

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2633

CRONACA. ANCONA. La Corte d'appello dell'Aquila ha confermato la condanna, riducendo però la pena a tre anni e sei mesi, nei confronti di Lorenzo

Marinelli, ragioniere di Ancona, responsabile di truffa e falso come custode dell'eredità di Olga Silvestrelli Santoni, storica docente di matematica e fisica al Liceo Rinaldini di Ancona, morta l'11 gennaio 2002. Tra le accuse a carico di Marinelli, c'é anche l'aver tratto in errore il giudice istruttore che lo nominò, facendosi autorizzare il prelievo di somme per pagare mutui inesistenti. La Corte ha accolto il ricorso dei familiari e il ministero dovrà risarcirli. L'imputato avrebbe anche redatto atti autorizzatori materialmente falsi a firma apparente del giudice di Ancona, cagionando un danno di 270 mila euro. In primo grado Marinelli era stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere. In appello, è stata esclusa un'aggravante e dichiarata la prescrizione dei fatti fino al 3 agosto 2004. L'imputato, che aveva respinto tutti gli addebiti, nonostante dovesse pagare una provvisionale di risarcimento non aveva versato nulla e così i familiari della defunta - Maurizio e Luca Silvestrelli difesi dall'avv. Riccardo Leonardi - avevano reiterato la richiesta di risarcimento contro il ministero della Giustizia, ritenuto responsabile per la condotta dell'imputato.