BREVI

Terremoto. Cassazione, il processo del crollo resta a L'Aquila

Respinta istanza rimessione:«Emotività non condiziona la causa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

722

CRONACA. ROMA. Rimane a L'Aquila il processo per il crollo - durante il terremoto del 6 aprile 2009 - della palazzina di Via XX Settembre, nel quale

morirono cinque persone. Lo ha deciso la Cassazione che ha respinto la richiesta di spostare il procedimento in un'altra sede avanzata da uno dei tre indagati, il collaudatore statico dell'edificio, Leonardo Carulli. Il tecnico sosteneva che nel capoluogo abruzzese non ci sarebbe la serenità necessaria per affrontare la causa per la troppa emotività ambientale