POLIZIA STRADALE: FALSE ROTTAMAZIONI 36 DENUNCIATI

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

643

CRONACA. TERAMO. Dichiaravano di avere un vecchio ciclomotore per fruire del contributo governativo fissato al 10% del costo di un veicolo nuovo e quantificabile in una somma tra i 400 ed i 750 euro. In realtà non lo avevano mai posseduto, oppure era ormai un mero rifiuto speciale in quanto privo dei componenti e degli accessori. I due titolari di una concessionaria, G.P. di 31 anni e F.C. di 35, e un autodemolitore, M.M. di 45 anni, provvedevano a redigere i falsi certificati di rottamazione. Al fine di perfezionare “la pratica” i beneficiari del contributo venivano invitati anche a sporgere una falsa denuncia di smarrimento del documento di circolazione. Dall’attività di indagine condotta dal personale della Polizia Stradale è emerso, altresì, che alcuni numeri di telaio di ciclomotori rottamati erano stati utilizzati più volte per ottenere più benefici di rottamazione. Una vera e propria organizzazione truffaldina. Truffa aggravata e falso sono le ipotesi di reato contestate ai 36 beneficiari. 11/03/2011 15.38