Rifiuti, revocati obblighi dimora per Venturoni e Di Zio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

684

CRONACA.  PESCARA.  Il gip del Tribunale di Pescara Guido Campli ha revocato oggi l'obbligo di dimora per l'ex assessore regionale alla sanità Lanfranco Venturoni e per l'imprenditore Rodolfo Di Zio, arrestati il 22 settembre scorso nell'ambito dell'inchiesta sui rifiuti condotta dalla Procura di Pescara. L'avviso di conclusione delle indagini era stato firmato nelle settimane scorse. Oltre a Venturoni e Rodolfo Di Zio, sono indagati i senatori del Pdl Paolo Tancredi e Fabrizio Di Stefano, Ettore Di Zio. Si avviano verso l'archiviazione le posizioni del consigliere regionale ed ex assessore ai rifiuti Daniela Stati e del sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi. 27/12/2010 15.18