Evasione internazionale. Spadaccini, quarto no alla liberta' per imprenditore aereo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

669

CRONACA.  PESCARA. Niente libertà per l'imprenditore del settore aereo Giuseppe Spadaccini, in carcere dal 21 ottobre scorso nell'ambito dell'inchiesta su una maxi evasione fiscale internazionale da 90 milioni di euro. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Pescara, Guido Campli, che ha pertanto rigettato l'istanza presentata dal suo legale. Per Spadaccini è il quarto no alla scarcerazione. Tre sono stati pronunciati dal gip e uno dal Riesame. Secondo l'accusa, avrebbe promosso e organizzato, attraverso collaboratori italiani, una fitta rete di società italiane e portoghesi le quali, tra il 1999 e il 2008, avrebbero emesso e utilizzato fatture per operazioni inesistenti per 30 milioni di euro. Un giro vorticoso di danaro, con l'unico fine di sottrarre i ricavi delle società italiane al fisco, creando altresì fondi occulti all'estero. Nell'ambito dell'inchiesta risultano indagate in totale 24 persone. 07/12/2010 16.42