Il senatore Di Stefano chiede l’archiviazione dalle accuse dell’inchiesta Re Mida

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

663

CRONACA. PESCARA. Dopo notizie di appuntamenti saltati per diverse ragioni, il senatore Pdl, Fabrizio Di Stefano, ha depositato una memoria con la quale ritiene di aver chiarito le contestazioni che la procura gli muove nell’ambito dell’inchiesta sui rifiuti “Re Mida”.  Di Stefano, secondo alcune fonti era atteso per domani in procura ma ha precisato di non aver ricevuto alcuna convocazione e per evitare ulteriormente un “balletto” che si protrae da settimane ha deciso di depositare la memoria nella quale chiede l’archiviazione della sua posizione. 04/11/2010 15.51