Dipendenti Cotir contro Menna (Udc): «non siamo un carrozzone»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1252

ABRUZZO. Alcuni dipendenti del Cotir sono rimasti «allibiti» dalle parole pronunciate dal consigliere Menna, durante la sessione del “Question Time” in consiglio regionale: «con tanta superficialità», commentano, «ha liquidato il nostro come un ente inutile e un carrozzone, non conoscendo evidentemente né le professionalità presenti nel Centro, né le attività di studi, ricerca e sperimentazione che vi si svolgono». Il Centro è dotato di strutture e strumentazioni avanzate in cui «non operano “semplici tecnici”», protestano i diretti interessati, «ma ricercatori che con l’ ausilio di tutto l’ organico dipendente (articolato da diverse figure professionali) portano avanti, da anni, ricerche sull’ irrigazione, la gestione delle colture, l’ agroalimentare, l’ ambiente e le colture energetiche». Tutto il personale ricorda oggi di aver continuato a portare avanti le proprie attività ininterrottamente, «anche, e soprattutto, nei momenti di difficoltà quando gli stipendi tardano ad arrivare, sicuri di rappresentare al meglio la nostra Regione, l’ Abruzzo, nel campo della Ricerca in Agricoltura». Per i dipendenti «lo scontro politico non può e non deve sacrificare le competenze e le professionalità dei dipendenti, che al contrario rappresentano un importante capitale umano per la crescita e lo sviluppo della nostra Regione. Per questo invitiamo il Consigliere Menna, e chiunque altro abbia la volontà di conoscere che cosa si fa al Cotir, a visitare e verificare di persona lo stato dell’ arte delle nostre attività così da poter parlare, nelle sedi competenti, con minor approssimazione».  27/10/2010 9.26