ECONOMIA

Imprese: crisi liquidità, «sì a filiera credito»

Sostegno agli investimenti con Cassa depositi e prestiti

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3723

Imprese: crisi liquidità, «sì a filiera credito»
ABRUZZO. Per l'Abi il comportamento della clientela abruzzese rientra nella media dei parametri nazionali.

E’ anche vero, però, che le maggiori criticità si registrano sul fronte della sofferenza delle imprese (l'8,3 per cento rispetto al 5,2 della media nazionale), e sul fronte del merito al credito (possibilità di ricapitalizzarsi, forme di sostegno esterno come il veture capital).
Ma in Abruzzo ci sono anche grandi opportunità: una di queste è il cantiere aquilano, il «più grande cantiere d'Europa» come è stato definito. Dall'Abi, poi, sono anche arrivate sul tavolo del Patto notizie confortanti per famiglie ed imprese, grazie agli accordi che l'Abi nazionale ha sottoscritto con il Ministero dell'Economia e le organizzazioni datoriali. Da un lato riguardano il consolidamento (sospensione delle rate di mutuo e delle quote capitale per operazioni di leasing per 12 mesi, allungamento della durata dei mutui, degli anticipi bancari e delle scadenze del credito agrario); dall'altro il sostegno agli investimenti che passa attraverso un accordo con la Cassa depositi e prestiti per un ammontare di 10 miliardi di euro: di cui 8 destinati alle piccole e medie imprese, e 2 miliardi al recupero dei crediti vantati verso la Pa.
Su questo punto in particolare, il presidente ha spiegato di essere intervenuto sul Ministero perché sembrerebbero escluse dalla misura le regioni in Piano di rientro. «E' illogico che si taglino fuori i sistemi economici che più dovrebbero essere sostenuti», ha precisato ricordando che «l'Abruzzo non ha più un problema di deficit di bilancio avendo da due anni conseguito un avanzo, che lo scorso aprile è stato certificato in oltre 5 milioni di euro. Quindi è giusto che il Ministero chiarisca la nostra posizione». Tornando agli accordi, secondo l'Abi il 90 per cento degli istituti di credito nazionale ha aderito mentre addirittura in Abruzzo si è arrivati a toccare il 95 per cento delle adesioni.