AMMINISTRATIVE 2012

Amministrative L’Aquila, per Cialente apparentamento con Idv e L’Aquila oggi

De Matteis può puntare sul supporto (non ufficializzato) del Pdl

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4049

Amministrative L’Aquila, per Cialente apparentamento con Idv e L’Aquila oggi
L’AQUILA. E’ stata depositata ieri mattina alla segreteria generale del Comune dell’Aquila la documentazione per il collegamento delle liste “Italia dei Valori” e “L’Aquila oggi” con il candidato sindaco Massimo Cialente, per il ballottaggio di domenica 20 e lunedì 21 maggio.

In caso di vittoria di Cialente l’Idv entrerebbe in Consiglio con due candidati: Angelo Mancini e Giuliano Di Nicola. Entrerebbe anche Vincenzo Vittorini (L’Aquila che vogliamo) che ha però invitato i suoi elettori a non votare al ballottaggio.
L’altro candidato Giorgio De Matteis potrà contare invece sul sostegno del Pdl anche se non ufficiale. Il Popolo delle Libertà è praticamente spaccato anche in questa fase sebbene Chiodi abbia dato il suo beneplacito a De Matteis e il segretario provinciale Alfonso Magliocco assicura di aver dato la «disponibilità incondizionata» a sottoscrivere l'apparentamento ufficiale con il candidato sindaco «senza pretendere riconoscimenti in giunta». Alla fine, però, non se ne è fatto niente.
«In questi giorni leggiamo sui giornali di “accordi politici” tra varie liste», protesta Appello per L’Aquila. «La cose andrebbero chiamate per quello che sono, “accordi per le poltrone”, tutte quelle disponibili: assessorati, presidenze del Consiglio e delle commissioni, delle municipalizzate...Abbiamo ricevuto due telefonate dai sindaci al ballottaggio, nessun incontro. Telefonate durate pochi minuti, il tempo di dare ad entrambi i nostri cortesi auguri. Noi siamo fuori da tutto ciò e abbiamo iniziato a costruire il futuro».
Anche la segretaria provinciale dell’Udc Morena Pasqaulone si dice «sconcertata» dalle contrattazioni tra partiti e si dice dispiaciuta dell’inversione di rotta fatta dalla coalizione facente capo ad Angelo Mancini: «l’Idv ha creato un progetto alternativo e diverso rispetto a quello messo in piedi da Massimo Cialente, del quale, per tutta la campagna elettorale, ne ha criticato con forza metodi, usi e costumi nella gestione dell’amministrazione e del post terremoto, poi l’accordo».
«Ci piacerebbe conoscere l’opinione degli elettori dell’Idv», continua Pasqualoni, «che, al primo turno, hanno dato fiducia ed appoggiato un disegno che si è posto in contrasto ed in opposizione rispetto a quello del sindaco uscente».