VELENI INFINITI

Veleni di Bussi: valori più alti del 2007. «Diossina come a Seveso»

Nella relazione del Commissario Goio limiti oltre 200 volte legge

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

408

DISCARICA DI BUSSI

DISCARICA DI BUSSI


BUSSI. Nella discarica Tremonti, la più pericolosa del "sito dei veleni" di Bussi, e nelle aree limitrofe, ci sono altissimi valori di diossina. Non solo, ma dalle analisi effettuate nel 2014 si evince come i veleni siano addirittura aumentati rispetto alle analisi effettuate nel 2007.

Lo si legge nel Piano della caratterizzazione della discarica abusiva situata in località "Tremonti" facente parte del sito di interesse nazionale "Bussi sul Tirino', decreto del 17/12/2015 del Commissario del Governo Adriano Goio, poi deceduto.

Nei 56 campioni analizzati dall'Arta ci sono valori del cancerogeno oltre 200 volte i limiti di legge, e secondo il Forum H2O che ha visionato il documento la situazione  «è drammatica: facendo la media dei livelli di diossina nei 154 mila metri cubi rifiuti interrati, si ha una quantità complessiva di diossina di oltre un chilo, quando ha limiti di 0,01 microgrammi a chilo di terreno. Siamo nell'ordine di grandezza di quanto accaduto nell'incidente di Seveso nel 1976», spiega Augusto De Sanctis del Forum. All'Aquila si sta svolgendo il processo d'Appello per le vicende della megadiscarica Montedison, che coinvolge 19 imputati per avvelenamento e disastro ambientale.

Nella discarica Tremonti sono stati rilevati oltre alla diossina altre 57 sostanze oltre i limiti di legge per i terreni, si legge nel documento del Commissario di Governo.

Le analisi sono state svolte nel 2013-2014. Il decreto è stato depositato dall'Avvocatura dello Stato nelle memorie in Corte d'Assise d'Appello, come atto sopravvenuto successivamente alla sentenza di primo grado in Corte d'Assise a Chieti.

Le difese degli imputati hanno contestato duramente e chiesto di non allegare agli atti del processo aquilano il documento, che di fatto cristallizza e caratterizza la situazione della discarica. La Corte si è riservata di decidere il 17/2, giorno in cui è prevista la sentenza.


«Come già emerso nel corso della caratterizzazione del sito, il corpo rifiuti commisto al terreno risulta pesantemente contaminato da composti organici clorurati (con valori in alcuni casi molto elevati per quanto riguarda l'Esacloroetano ed il Tetracloroetilene), idrocarburi policiclici aromatici, mercurio e piombo. Le nuove indagini condotte hanno inoltre messo in evidenza la presenza in quantità significative di diossine e furani (espresse come sommatoria PCDD +PCDF)», si legge nel documento.

«La diossina è anche fuori dalla Tremonti, sul bordo del fiume. I problemi riguardano anche i terreni sotto al corpo dei rifiuti fino a 20 metri di profondità con 16 diversi contaminanti oltre i limiti di legge - spiega De Sanctis -. Per esempio il tetracloroetilene è 1.088 oltre i limiti. Le acque di falda non stanno meglio con 26 sostanze tra tossiche e cancerogene oltre i limiti. La situazione per altro si va aggravando perchè i dati per le acque sono molto peggiorate rispetto alle analisi del 2007 quando esplose la vicenda Bussi con il sequestro dell'area da parte della magistratura di Pescara. Ad esempio si va dal '1,1 dicloroetilene' che nel 2007 era 29.800 volte i limiti ad oggi che nel documento governativo è 140 mila volte oltre. Il cancerogeno cloruro di vinile passa da 136 volte a 2.080. L'acqua risulta inquinata fino ad 80 metri nel sottosuolo».

«I dati sono incontrovertibili e definiscono una situazione intollerabile che ha ancora oggi conseguenze per l'intera vallata come dimostrano i pesci al mercurio - chiude il Forum - e quindi ora basta: a dieci anni dalla scoperta della megadiscarica non si è fatto ancora nulla, nuove analisi non servono a niente, sarebbe un accanimento per ritardare l'unica cosa da fare: la bonifica».

All'Aquila in Appello sono a processo 19 tra dirigenti e funzionari della Montedison che è ancora oggi proprietaria della Tremonti. I 19 nel dicembre 2014 sono stati assolti in primo grado dalla Corte d'Assise di Chieti dai reati di avvelenamento delle acque e disastro colposo, quest'ultimo per prescrizione.