INDUSTRIA E AMBIENTE

Tocco da Casauria: no ad Ombrina Mare, sì al cementifico.

Consiglieri minoranza: «sarebbe la pietra tombale per il nostro territorio»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1912

AREA INDUSTRIALE DI BUSSI

Area industriale di Bussi




TOCCO DA CASAURIA. Durante il Consiglio comunale di martedì scorso il gruppo di opposizione ‘Primavera toccolana’ ha presentato una mozione contro la realizzazione di Ombrina Mare.
Dopo un lungo dibattito e qualche modifica formale alla mozione, maggioranza e minoranza hanno votato favorevolmente alla proposta, ad eccezione del consigliere Fausto Bruno, («da tempo schierato acriticamente a favore di ogni tipo di attività atta all'approvvigionamento energetico», protestano i firmatari della mozione).
La maggioranza ha dunque accolto la proposta dell’opposizione, impegnandosi anche a partecipare ad eventuali future iniziative pubbliche di contrasto alla petrolizzazione di un tratto di mare che presto potrebbe entrare a far parte del Parco nazionale della costa teatina.
Ma su un altro argomento, invece, le due fazioni politiche sono invece in netto contrasto: la questione è quella di un possibile cementificio che il gruppo Toto potrebbe realizzare, stornando i soldi pubblici destinati alla bonifica, nella zona industriale di Bussi sul Tirino (10 km in linea d’aria da Tocco), all'interno della discarica di rifiuti tossici più grande d'Europa.
«Rimaniamo interdetti», dicono i consiglieri di ‘Primavera toccolana’, «dalle dichiarazioni nettamente favorevole del primo cittadino. La cosa che ci turba maggiormente è il pensiero che un sindaco con tali posizioni si possa trovare, in un prossimo futuro, a decidere in solitudine le sorti del nostro territorio, magari di fronte a proposte come quella presentata da Toto a Bussi».
I consiglieri di minoranza ribadiscono il loro «secco no» alla «sciagurata eventualità» di un cementificio a Bussi: «sarebbe la pietra tombale per il rilancio di una zona depressa come la nostra, da progettare sul turismo, sulle tipicità, sull'innovazione tecnologica e su un'industria a basso impatto ambientale».