AMBIENTE

Pescara, Nasce il comitato "salva-fiume"

Adesioni aperte dalla prossima settimana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1906

Pescara, Nasce il comitato "salva-fiume"
PESCARA. E’ nato mesi fa ma solo a partire da lunedì prossimo patirà a pieno ritmo con una campagna adesioni.

Il comitato “Pescara. Un fiume da bere” è stato creato per salvare il fiume della città dal degrado in cui versa. Sensibilizzazione, diffusione, soluzione. Sono le parole chiavi del progetto presentato oggi dall’associazione Articolo 3 a Pescara.
Il comitato è il coronamento di una serie di iniziative che l’associazione Articolo 3 ha messo in capo sul fiume come la richiesta di riqualificazione del circolo canottieri di Pescara, la lectio magistralis di Tara Gandhi sull’importanza dell’acqua, il confronto sul porto.
L’obiettivo è raccogliere idee, progetti sul recupero del fiume per la rinaturalizzazione del maggiore corso d'acqua dell'Adriatico a sud del Po, attualmente uno dei 7 fiumi italiani più sfruttati ed inquinati. Realizzare un piano di marketing territoriale per trasformare i progetti in realtà. Gettare le basi per una proposta di legge regionale con la quale si potranno attrarre finanziamenti europei e privati, in base ad un’idea condivisa di rinascita del fiume.
Tutto questo in linea anche con la direttiva europea, la 2000/60/CE che impone ai Paesi membri il recupero della qualità delle acque e dell’ecosistema fluviale entro il 2015, pena sanzioni.
L’attività comprenderà anche la lotta all’inquinamento,una ulteriore sensibilizzazione con il coinvolgimento di Comuni, istituzioni, polizia provinciale,comunale,genio civile.
Da lunedì al via le adesioni ed al sito internet dedicato www.pescaraunfiumedabere.it oltre ad una pagina Facebook per catturare segnalazioni, attenzione e riscontri
«Ci rivolgiamo a tutti», ha detto Antonella Allegrino, presidente di Articolo 3, «ma soprattutto alle istituzioni a tutti coloro che sono classe dirigente, dai parlamentari ai consiglieri regionali, alle Camere di Commercio, amministratori comunali e i Comuni che sono nella vallata in cui scorre il Pescara, con la consapevolezza di avviare un’attività inedita fino ad oggi e di farlo in maniera condivisa. L’attività di recupero e valorizzazione sarà difficile ma è importantissima».