ECONOMIA REALE

Agricoltura approvata nuova legge: è quella per il vero rilancio del settore?

Aiuti per Xylella e alluvioni, oltre 2 mln a pesca

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

403

Agricoltura trattore

ROMA.  Arriva una legge che punta a rilanciare l'agricoltura e a contrastare le crisi che stanno colpendo settori come il latte, l'olio e la pesca. Aiuti anche per le imprese nei territori colpiti dalle piogge alluvionali degli ultimi due anni e dalle infezioni fitosanitarie come la Xylella.

E nell'ottica di una razionalizzazione delle strutture ministeriali viene soppressa l'ex Agensud. Ad approvare il provvedimento è stata l'Aula del Senato, con voto per alzata di mano, dopo essere passato alla Camera a metà del mese scorso. «Mettiamo un altro tassello importante per il rilancio dell'agricoltura italiana», ha commentato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, non presente in Aula al momento della votazione, «siamo intervenuti su settori chiave con azioni che mirano alla tutela del reddito dei produttori». Tra le misure principali del provvedimento, per quanto riguarda il latte via libera alla rateizzazione in tre anni senza interessi per le multe 2014-2015; per l'ultima campagna di produzione con il regime quote è ammessa la compensazione entro il 6% a favore delle aziende splafonatrici.

Nei rapporti commerciali viene ribadita la necessità del contratto scritto per una durata di 12 mesi. E' prevista una nuova disciplina delle organizzazioni interprofessionali per favorirne l'aggregazione. Col Piano Olivicolo sale a 32 milioni la dotazione del Fondo per arrivare ad una crescita del 25% della produzione. Viene aumentata la dotazione del Fondo di solidarietà per le imprese non coperte da polizze assicurative agevolate colpite dalle alluvioni, come Puglia, Toscana e Liguria; aiuti anche contro le infezioni a varie colture, con priorità per i danni da Xylella con una dotazione di 21 milioni per il 2015 e il 2016. Per la pesca viene finanziato il Fondo di Solidarietà con 2,25 milioni a sostegno delle imprese colpite da avversità atmosferiche.

 Modifiche anche in Agea, l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura; viene soppressa la gestione commissariale delle attività ex Agensud per trasferirle alle Direzioni del Mipaaf e garantire la realizzazione delle strutture irrigue. Nascono Commissioni Uniche Nazionali per garantire la trasparenza dei prezzi e viene rafforzato il contrasto alle pratiche sleali di mercato con segnalazioni all'Antitrust. Soddisfatto il capogruppo Pd in commissione Agricoltura della Camera, Nicodemo Oliverio, «un grande risultato della politica buona che serve a ridare fiducia agli italiani».

 Pollice verso invece dai senatori Giuseppe Ruvolo (Gal), «testo vuoto e dannoso per il settore» e da Paola Pelino vice capogruppo Fi, «ennesima occasione mancata dal Governo».

 Soddisfatte le organizzazioni agricole: se la Coldiretti sollecita misure di sostegno per gli olivicoltori colpiti dalla Xyella, la Cia chiede di attivarsi subito per i decreti attuativi; bene anche dalla Confagricoltura perplessa solo sulle norme per le Organizzazioni interprofessionali, e dall'Alleanza delle cooperative italiane, in particolare per l'apertura del Fondo di solidarietà anche alle imprese coop colpite dalle avversità climatiche. Assenti invece, secondo la Fai Cisl, le misure a favore dei lavoratori.

LE PRINCIPALI NOVITA’

SETTORE LATTE: NOVITA' SULLA RATEIZZAZIONE E COMPENSAZIONE
• Il pagamento delle quote latte in tre rate senza interessi è ammesso anche con una fideiussione assicurativa, non solo bancaria.
• Per l'ultima campagna di produzione del latte con il regime delle quote è ammessa la compensazione, sempre entro il limite del 6%, a favore delle aziende che hanno superato la propria quota, con introduzione di tre fasce: 12-30%, 30-50%, oltre 50%, in ordine di priorità.

OLIO: 32 MILIONI DI EURO PER IL PIANO OLIVICOLO NAZIONALE
• Incremento della dotazione del fondo per il settore olivicolo che sale a 32 milioni di euro con specifiche voci per la determinazione della spesa: aumento della produzione nazionale, investimenti in ricerca, sostegno all'aggregazione e all'innovazione.
• Tra le finalità del fondo vengono inserite la certificazione e la lotta alla contraffazione.

ORGANIZZAZIONI INTEPROFESSIONALI
• La soglia necessaria a costituire un'Organizzazione interprofessionale del latte viene elevata dal 20% al 25% di imprese rappresentate nel settore.
• Per settori diversi da quello lattiero-caseario la soglia sale dal 35 al 40% di rappresentatività.
• Si inaspriscono le sanzioni per chi non rispetta quanto previsto dall'articolo 62 del decreto-legge n. 1 del 2012 e dalle sue disposizioni attuative.
• Per riconoscere le organizzazioni interprofessionali è prevista un'intesa tra Mipaaf e Conferenza Stato Regioni

21 MILIONI DI EURO PER FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IMPRESE AGRICOLE
• Viene aumentata la dotazione complessiva del fondo di solidarietà nazionale per le imprese colpite da eventi alluvionali, nonché infezioni di organismi nocivi ai vegetali, con priorità per i danni legati alla diffusione della Xylella fastidiosa, del cinipide del castagno e della flavescenza dorata negli anni 2013, 2014 e 2015: oltre agli 11 milioni previsti per la Xylella, vengono stanziati ulteriori 10 milioni di euro per il 2016 per gli altri interventi. Si arriva così a 21 milioni di euro di dotazione.
• L'accesso al Fondo viene esteso anche alle avversità atmosferiche caratterizzate da vento forte e ai danni alle scorte di materie prime causati da eventi eccezionali nell'ultimo triennio.

OLTRE 2 MILIONI DI EURO PER IL FONDO SOLIDARIETA' PER LA PESCA
• Viene finanziato il Fondo di Solidarietà nazionale Pesca con 2,25 milioni di euro per sostenere le imprese del settore colpite da avversità atmosferiche eccezionali dal 2012 all'entrata in vigore della legge di conversione.

RIFORMA SIAN
L'Agea provvede alla gestione e allo sviluppo del SIAN direttamente o con affidamento a terzi mediante l'espletamento di una procedura ad evidenza pubblica, salvaguardando i livelli occupazionali esistenti di SIN.

COMMISSIONI UNICHE NAZIONALI PER LE FILIERE AGROALIMENTARI
• È prevista, infine, l'istituzione delle Commissioni uniche nazionali (CUN) per le filiere maggiormente rappresentative del sistema agricolo e alimentare, al fine di garantire la trasparenza nelle relazioni contrattuali tra gli operatori di mercato e nella formazione dei prezzi.