CON CALMA

Incendi del 2007, dopo 11 anni arrivano i soldi per i Comuni abruzzesi

Di Marco: «finalmente riassegnate le somme richieste alla Regione Abruzzo»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

173

Incendi del 2007, dopo 11 anni arrivano i soldi per i Comuni abruzzesi

l'incendio

ABRUZZO.  Il Dipartimento della Protezione Civile nazionale ha riassegnato alla regione Abruzzo le somme per il ristoro dei danni conseguenti agli incendi boschivi del 2007. Circa 1 milione di euro, a risarcimento dei danni subìti all’interno dei Comuni di Abbateggio, Castiglione a Casauria, Corvara, Pescosansonesco, Popoli, Rosciano, San Valentino in A.C., Scafa.

Dunque, appena le risorse finanziarie verranno riaccreditate nelle casse delle regione, verranno perfezionate le attività istruttorie in favore dei beneficiari. Saranno i Comuni interessati, poi, a comunicare ai cittadini l’avvenuto finanziamento.

«Questa è la prova», commenta il presidente della Provincia, Antonio Di Marco, «che la caparbietà e l’insistenza pagano. Grazie infatti alle numerose richieste scritte da parte del Presidente della Provincia Di Marco, e all’intervento “romano” del Presidente D’Alfonso, solo qualche giorno fa è arrivata la risposta sperata»


Nel 2007 una serie di incendi boschivi e fenomeni di combustione determinarono – in una stagione particolarmente calda - drammatiche conseguenze per i Comuni e cittadini, con danni di tale proporzioni che la Presidenza del Consiglio dei Ministri dichiarò lo stato di emergenza.

Nell’ottobre 2007 venne pubblicata l’Ordinanza che regolamentava le iniziative necessarie per i primi interventi diretti a fronteggiare i danni subiti da soggetti pubblici e privati, individuando, nel Capo Dipartimento della Protezione Civile, il Commissario delegato al coordinamento delle attività per il risarcimento. Da quel momento iniziò l’iter individuato per la quantificazione dei danni da parte dei Comuni e per l’assegnazione dei contributi economici in favore dei soggetti, pubblici e privati, danneggiati da quegli eventi calamitosi, fissando i criteri per l’assegnazione dei contributi stessi.

La Regione Abruzzo nel 2008 avviò l’istruttoria, proseguita fino ai primi mesi del 2009, consentendo l’erogazione dei primi contributi ma interrottasi bruscamente con il terremoto del 2009. La struttura competente della Protezione Civile, considerati i ritardi con cui, dal 2009 in poi, continuavano ad arrivare le pratiche, e vista l’impossibilità di continuare a utilizzare le contabilità speciale intestata al Commissario delegato in quanto lo stato di emergenza risultava ormai cessato, si vide costretta a sospendere l’attività di valutazione delle pratiche avanzate dai Comuni alla regione, in attesa che venisse proposta una soluzione per tutte quelle richieste (la maggior parte) in cui si era scivolati fuori tempo massimo.

«A distanza di oltre 10 anni – afferma oggi il Presidente Antonio Di Marco - finalmente, a noi sindaci è stato riattribuito ciò che ci spettava. Una boccata d’ossigeno attesa, anzi indispensabile per poter riprendere attività e riappropriarsi di beni che eventi drammatici come gli incendi avevano distrutto».