LA MISSIVA

Concorso Sasi, arriva busta anonima: «ecco i 67 vincitori»

L’ha ricevuta Mauro Febbo che l’ha girata al difensore civico

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

26288

Concorso Sasi, arriva busta anonima: «ecco i 67 vincitori»

 

 

LANCIANO. «Quello non è un concorso ma la stabilizzazione degli attuali interinali, tutti nominati dalla politica. Le allego in busta chiusa i nomi e i cognomi dei vincitori e relative posizioni».

 

E’ questo il messaggio anonimo, scritto in stampatello su un foglio bianco datato 9 novembre, che nei giorni scorsi si è ritrovato tra la posta il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo.

L’esponente di centrodestra da settimane sta contestando il bando della Sasi e aveva denunciato tutte le stranezze anche al difensore civico che però venerdì scorso ha chiuso il caso sostenendo che sia tutto regolare.

E adesso, che succede con questa nuova segnalazione? L’anonimo ‘indovino’ ha chiesto di aprire la busta con i nomi solo a selezione avvenuta e per il momento Febbo l’ha girata (senza aprirla) al difensore civico. Quanti ne avrà azzeccati?

«Discutibili, anomali e criticabili erano, sono e rimangono i criteri inseriti e il metodo adottato nel bando di selezione della SASI per assumere le 67 figure richieste. I dubbi sono aumentati e non diminuiti» hanno denunciato Febbo e il deputato Fabrizio Di Stefano durante la conferenza stampa convocata a Lanciano per discutere del parere del difensore civico che ha promosso la selezione.

Ma gli esponenti di centrodestra  la pensano diversamente: «di fatto siamo di fronte ad una vera e propria stabilizzazione dei lavoratori già assunti a tempo determinato presso l’Ente acquedottistico e non allo svolgimento di un normale concorso aperto a tutti coloro che intendono parteciparvi come abbiamo richiesto. L’unico polverone presente è quello creato ad arte dal presidente Basterebbe che, dopo essere stato caldamente invitato a sospendere la selezione pubblica e rivedere i requisiti di ammissione, ha voluto, in maniera ostinata, portare avanti una selezione che riteniamo anomala, illegittima e passibile di probabili ricorsi e impugnazioni».

Febbo e Di Stefano confermano di non essere rimasti soddisfatti dalla prima lettera del Difensore civico dove venivano sollevati forti dubbi al concorso indetto dalla Sasi e non li ha entusiasmati neanche l'ultima presa di posizione poiché rimarrebbero  ancora irrisolti tutti i nodi da loro sollevati sin dall'inizio.

«Chiediamo e pretendiamo un concorso trasparente dove vengono inseriti procedure di premialità, correttezza e rispetto per tutti i partecipanti», continuano Febbo e Di Stefano.

Secondo i due il presidente Basterebbe dovrebbe, invece, essere molto preoccupato proprio a causa dell lista dei futuri vincitori spedita dall’anonimo.

«Rispediamo al mittente le accuse del presidente Basterebbe e siamo noi a stigmatizzare il suo comportamento poiché solleviamo perplessità anche in merito alla commissione appena nominata composta da tre membri con il compito di esaminare le 1200 domande arrivate, sollevando tra l'altro dell'incarico la società precedentemente individuata. Come mai questo passo indietro?»