LA FIRMA

Comuni terremotati: stop tasse, 35 mln per allevatori e appalti più rapidi

Firmato giovedì pomeriggio decreto del Consiglio dei Ministri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

396

Comuni terremotati: stop tasse, 35 mln per allevatori e appalti più rapidi

ABRUZZO. Stop al pagamento delle tasse per tutti i comuni del cratere, procedure semplificate per gli appalti riguardanti edifici strategici e scuole, 40 milioni per il sostegno al reddito delle fasce più deboli della popolazione, 35 milioni di aiuti per gli allevatori: sono alcune delle misure previste dal decreto legge in favore delle aree terremotate approvato oggi dal Consiglio dei ministri.

Via libera dunque al decreto legge "in favore delle popolazioni" di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo - il terzo in quattro mesi - per cercare di superare l'impasse e far fronte a quella che il premier Gentiloni definisce una "situazione senza precedenti". "Dobbiamo essere tutti consapevoli - dice al termine del Cdm - della gravità degli eventi che hanno colpito il centro Italia. Il paese intero, a partire dalle istituzioni, e l'Unione europea, devono avere la consapevolezza di quel che è accaduto".

Al di là delle difficoltà oggettive - quattro regioni colpite, centinaia di migliaia di cittadini e oltre cento comuni interessati, scosse che non accennano a finire -, il capo del Governo sa che la situazione è al limite e il sit in di centinaia di cittadini provenienti dalle aree terremotate davanti a Montecitorio, è un ulteriore segnale di come la protesta potrebbe montare se non si interviene rapidamente.

STOP TASSE E RILANCIO SISTEMA PRODUTTIVO

 Per il 2017 gli oltre 130 comuni interessati dai terremoti di agosto, ottobre e gennaio, godranno di una sorta di zona franca fiscale, con lo stop del pagamento delle tasse fino al 30 settembre. Imprese e cittadini residenti nel cratere, con il meccanismo della cosiddetta 'busta paga pesante' potranno beneficiare della sospensione del pagamento Irpef.

Previste, anche esenzioni per Ires, Irap, Tasi e Imu e il blocco dei termini per le notifiche e la riscossione delle cartelle di pagamento. Il decreto, inoltre, proroga le misure di sostegno al reddito dei lavoratori fino al 31 dicembre e la cassa integrazione, stanzia fino a 80 milioni a fondo perduto per le imprese e 35 milioni per gli allevatori, sotto forma di aiuto diretto per mancato reddito.

40 MILIONI PER SOSTEGNO A REDDITO

 Il decreto punta anche a mitigare «l'impatto del sisma sulle condizioni di vita, economiche e sociali» dei cittadini «che versano in condizioni di maggior disagio economico»: per questo si prevede un «sostegno al reddito», fino ad un massimo di 41 milioni per il 2017, al quale potranno accedere i cittadini «residenti e stabilmente dimoranti da almeno due anni" in uno dei comuni del cratere che abbiano un Isee "pari o inferiore a 6mila euro».

APPALTI SEMPLIFICATI PER SCUOLE E EDIFICI STRATEGICI

Al Commissario per la ricostruzione il decreto attribuisce la possibilità di individuare opere ed interventi di interesse strategico ai fini delle ricostruzione, assicurandone la più rapida realizzazione senza limiti di spesa, attraverso procedure semplificate di affidamento dei lavori, dei servizi e delle forniture. Un discorso che vale anche per le scuole: sono previsti "piani straordinari per assicurare il ripristino, per l'anno scolastico 2017-2018, delle condizioni necessarie per lo svolgimento dell'attività didattica" attraverso la "semplificazione delle procedure di affidamento degli appalti relativi alla realizzazione" delle scuole e delle relative opere di urbanizzazione.

Per accedere agli appalti, inoltre, basterà aver presentato la domanda di iscrizione all'Anagrafe antimafia. L'invito da parte delle stazioni appaltanti dovrà essere rivolto, sulla base del progetto definitivo, ad almeno cinque operatori economici inseriti nell'Anagrafe. Per evitare che partecipino ditte prive dei requisiti necessari, si introduce però un meccanismo di velocizzazione dei controlli.

PIU' TECNICI E POSSIBILITA' ACQUISIZIONE IMMOBILI

Per velocizzare le procedure relative alle verifiche di agilità e alla ricostruzione, si prevede che Regioni e Comuni possano impiegare un maggior numero di tecnici a supporto agli uffici speciali per la ricostruzione e nello svolgimento delle attività di progettazione, affidamento lavori e controllo degli appalti. Sempre le Regioni, infine, potranno "acquisire al patrimonio dell'edilizia residenziale pubblica, immobili ad uso abitativo agibili, da destinare temporaneamente alle popolazioni residenti in edifici distrutti o danneggiati". Una "soluzione alternativa" che il governo ritiene più economica rispetto alle Sae, le casette. Le proposte dovranno essere sottoposte alla preventiva approvazione del capo del Dipartimento della Protezione Civile, "previa valutazione di congruità sul presso convenuto"