PA

Province, recepiti accordi per trasferimento funzioni alla Regione

Passano anche 5 dipendenti addetti alle funzioni generali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

128

PROVINCIA DI PESCARA

La Provincia di Pescara

L’AQUILA. La Giunta regionale, presieduta da Luciano D'Alfonso, ha approvato ieri a tarda serata il provvedimento relativo con il quale sono stati recepiti, ai sensi della legge regionale 32/2015, gli accordi bilaterali Regione-Province sottoscritti nella seduta dell'Osservatorio del 5 settembre 2016.

Si tratta del trasferimento in capo alla Regione delle Funzioni in materia di "Caccia e Pesca nelle acque interne", "Ristoro dei danni provocati alle produzioni agricole ed alla zootecnia dalla fauna selvatica", "Protezione della flora e della fauna", "Valorizzazione dei beni culturali e in materia di Biblioteche di Enti Locali e di interesse locale", "Espropriazione per pubblica utilità", "Vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia", "Servizi sociali", "Emigrazione", "Edilizia Residenziale pubblica", "Attività estrattive", "Protezione civile" e "Turismo".

Con la stessa Deliberazione sono stati anche recepiti gli Accordi che consentono alla Regione di avvalersi del Corpo di Polizia Provinciale nonché lo Schema di Accordo per il trasferimento delle funzioni ai Comuni da parte delle Province, ai sensi dell'articolo 4 della L.R. 32/2015.

Come già avvenuto per i primi due Accordi recepiti con la DGR 144 del 4 marzo 2016, sarà trasferita anche la quota residua (5 unità) del personale provinciale già addetto alle Funzioni generali.

La Giunta Regionale ha anche autorizzato il trasferimento di 85 unità di personale provinciale per una spesa pari ad 2.997.699 euro.

«Con la sottoscrizione e il recepimento degli ultimi quattro Accordi bilaterali per le funzioni ex legge regionale 32/2015 e con la sigla da parte di Regione - Province - Anci dello schema di Accordo per il trasferimento delle funzioni ex art.4 della L.R. 32/2015 dalle Province ai Comuni», ha spiegato il presidente D'Alfonso al termine della seduta di Giunta, «si completa il processo di riordino delle funzioni con i trasferimenti delle risorse ad esse correlati, al quale farà seguito l'avvio di un percorso di riorganizzazione e razionalizzazione in grado di contemperare competenze e carichi di lavoro nelle diverse strutture regionali».

N.B. La notizia è poi stata annullata dalla Regione Abruzzo spiegando che la relativa deliberazione, pur se nell'ordine del giorno della seduta di ieri (6 ottobre 2016), non è stata esaminata.