ATTENDERE PREGO

Vita indipendente, in ritardo la graduatoria per i progetti a favore dei disabili

Nuovo appello alla Regione (ritardataria)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

62

Vita indipendente, in ritardo la graduatoria per i progetti a favore dei disabili


ABRUZZO. L’associazione dei disabili ‘Vita indipendente’ chiede una rapida formulazione della graduatoria relativa al bando 2016 L.R. 57/12 in modo da avviare senza ritardi la prossima annualità dei progetti, come purtroppo avvenuto in quella attuale con gravi disagi per i beneficiari.


La responsabile dell'Ufficio "Integrazione sociale e disabilità" presso il Servizio Politiche per il Benessere Sociale della Regione Abruzzo ha comunicato all’associazione, su sollecitazione del responsabile Manolo Pelusi, che l'istruttoria relativa alla graduatoria sarà trasmessa a breve al gruppo regionale di coordinamento, organo incaricato della sua formulazione.


«Il nostro Movimento», avverte Pelusi, «vigilerà affinché alle parole seguano i fatti, pretendendo che la tempistica sia il più celere possibile in modo da tutelare nel modo migliore i diritti dei cittadini abruzzesi con disabilità non autosufficienti. Augurandoci che vigili in tal senso anche chi ha la responsabilità politica della gestione degli affari sociali in capo alla Giunta».


Secondo il movimento nel quadro complessivo delineato le tempistiche riguardanti la procedura di assegnazione dei progetti, indicate dalle Linee Guida in attuazione della L.R. 57/12, sono state interpretate «arbitrariamente sia nel bando 2014 che in quello 2015, per cui chiediamo maggiore chiarezza in merito».


Infatti secondo le linee guida della legge regionale il procedimento dovrebbe esaurire il proprio iter interamente nei primi tre mesi dell'anno, perché invece si arriva a concludere l'iter l'anno successivo all'invio delle domande?


I progetti richiesti nel gennaio 2015 sono stati avviati solo pochi giorni fa.