IL SEGNO

Ospedale Chieti, i documenti richiesti? Consegnati a mano da D’Alfonso perchè "vale di più"

Da 50 giorni il presidente della Commissione Vigilanza chiede di poter vedere le carte

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1078

Ospedale Chieti, i documenti richiesti?  Consegnati a mano da D’Alfonso perchè "vale di più"

L’AQUILA. Ma quale posta certificata: nell’era moderna per il presidente Luciano D’Alfonso la consegna a mano di documenti ufficiali «vale di più».

Ne è talmente certo da averlo scritto di suo pugno in una lettera indirizzata al presidente della Commissione di Vigilanza Mauro Febbo che da 50 giorni sta ‘rompendo le scatole’ per poter visionare alcuni documenti inerenti il project financing di Chieti.

Per il momento non ha raccolto nulla se non una promessa dell’ultim’ora di D’Alfonso che annuncia che quanto richiesto glielo porterà lui personalmente in una audizione in Commissione che però non è in programma.

«Questi oltre due anni di amministrazione D’Alfonso sono stati costellati da censure e omissioni di atti e documenti che rappresentano un vero e proprio schiaffo alle promessa di trasformare la Regione Abruzzo in una casa di vetro», hanno denunciato stamattina in conferenza stampa Febbo e il capogruppo di Forza Italia, Lorenzo Sospiri.

Eppure lo Statuto regionale parla chiaro, articolo 30: «ogni singolo Consigliere regionale può accedere alla documentazione dopo regolare richiesta di accesso agli atti».

Questo assume un valore maggiore se la richiesta viene presentata dal Presidente della Commissione di Vigilanza.

L’ultimo episodio di una lunga carrellata, e che secondo Forza Italia ha tutti i connotati della presa in giro, è rappresentato dalla richiesta di ricevere il verbale di una riunione, tenutasi il 20 maggio scorso, avente a oggetto il project financing per il nuovo ospedale di Chieti.

Documentazione che era stata chiesta con una prima nota del 23 maggio e poi sollecitata per ben due volte con comunicazioni del 23 giugno e del 5 luglio.

Dopo il terzo tentativo e ben 42 giorni trascorsi, il 12 luglio è arrivata una risposta quanto meno singolare da parte del direttore generale della Regione Abruzzo Cristina Gerardis che anticipa come il verbale, redatto in formato procedimentale, sarà consegnato personalmente addirittura dal presidente D’Alfonso nel corso di una seduta della Commissione di vigilanza appositamente convocata.



«GERARDIS NON E’ UNA MILITANTE»

«Ancora più assurda», hanno commentato Febbo e Sospiri, «è la nota dello stesso D’Alfonso, datata sempre 12 luglio, in cui si ribadisce il medesimo concetto rafforzato però da un messaggio vergato a mano dal presidente della Giunta: aggiungo che la consegna frontale vale di più».

Ma i due esponenti di Forza Italia puntano il dito contro «la gravità del comportamento» di Geradis: «non è una militante del Pd o accanita sostenitrice di Renzi o D’Alfonso, ma è una funzionaria della Regione, tra l’altro super pagata, e per questo dovrebbe imparare a rispettare e far rispettare Codici, Statuto, Regolamenti e soprattutto avere massimo rispetto per le Istituzioni anche in virtù della sua esperienza all’Avvocatura di Stato».

Ma Febbo e Sospiri non risparmiano neppure D’alfonso: «se in precedenza si era limitato a definire il Consiglio regionale come una ‘Cloaca’ oggi ha superato tutti i limiti e la decenza. La pretesa di essere audito in Commissione di Vigilanza, per consegnare la documentazione sull’ospedale di Chieti è assolutamente Illegittima ed arbitraria; se vuole essere audito basta farne richiesta ma il presidente della Giunta ha a disposizione l’Aula per fare relazioni e/o rilasciare dichiarazioni. Forse non vuole farci capire e darci l’esito di quella riunione prima della seduta straordinaria in programma il 20 luglio».



D’ALFONSO NERVOSO?

Secondo Forza Italia il comportamento di D’Alfonso nasconderebbe un certo nervosismo «probabilmente dovuto al fatto che le sue chiacchiere e le sue promesse, dopo oltre due anni di governo regionale, si stanno pian piano sgretolando».

E il centrodestra fa riferimento ai dati sull’occupazione che certificano come in Abruzzo nel primo trimestre 2016 si siano persi quasi 13 mila posti di lavoro. Un trend purtroppo negativo che mina pesantemente la promessa dalfonsiana di creare 100 mila posti di lavoro, che ha ridotto a 60 Mila in occasione della “Fonderia” a Civitella del Tronto.

«Così come è preoccupato del fatto che (forse) tra 15 giorni», fa notare Febbo, «il Cipe ci dirà quanti fondi veri e reali verranno assegnati alla Regione e sarà l’occasione per capire l’entità delle sue capacità progettuali. Quindi non era vero che il 1,5 miliardi erano già approvati e disponili, come ho sempre sostenuto da mesi».

«Intanto siamo ancora in attesa di poter visionare il Bilancio al 31 dicembre 2015 di Tua (Trasporto Unico Abruzzese) – ricordano i Consiglieri di Forza Italia - che doveva essere presentato nel corso del grande appuntamento organizzato il 6 luglio scorso. Oltretutto vorremmo poter leggere i documenti allegati e soprattutto la relazione dei revisori dei conti. Anche in questo caso sono già due le richieste avanzate al presidente di Tua, D’Amico (il 7 e il 12 luglio)»



I DOCUMENTI NASCOSTI

Gli episodi di censura ricordati stamattina d Forza Italia però sono davvero tanti: si va dalla documentazione relativa alla nomina del direttore amministrativo della Asl di Chieti, più volte sollecitata e arrivata solo dopo la minaccia di coinvolgere le forze dell’ordine passando, sempre a proposito di sanità, alla delibera che fissava i criteri del procedimento amministrativo finalizzato alla costruzione del nuovo ospedale di Chieti, tenuta segreta per molto tempo così come è stato tenuto nascosto il famigerato decreto commissariale n.4 che sanciva il trasferimento dei posti letto dal pubblico alle cliniche private.

Ma a quanto pare la sanità è proprio un campo minato visto che è rimasta a lungo coperta dal mistero anche la delibera per la nomina del nuovo direttore amministrativo della Asl di Chieti.

Non è la prima volta che si ha la sensazione che le norme in vigore subiscano una certa sospensione nell'era dalfonsiana con il placet di chi dovrebbe controllare ed essere terzo equidistante.

Febbo Richeiste Doc