TUTTI AL MARE

Mare Abruzzo, ecco dove fare il bagno e dove l’acqua è davvero pulita

Le analisi dell’Arta evidenziano criticità e acque balneabili

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

52259

Mare Abruzzo, ecco dove fare il bagno e dove l’acqua è davvero pulita

ABRUZZO. Le nuove analisi pubblicate dell’Arta parlano di mare pulito e di buone condizioni dello stato di salute della costa anche se non mancano criticità che sono ben note.

I problemi sulle cause dell’inquinamento rimangono tutte anche se l’amministrazione pubblica ha stanziato milioni di euro (come aveva già fatto in passato) per il “disinquinamento dei fiumi” ed il potenziamento di alcuni depuratori (che come già emerso sono in diversi casi proprio quelli che, funzionando male, inquinano).

Ma tra le polemiche, gli scandali e le denunce di malfunzionamenti, di ordinanze messe e tolte, i cittadini rischiano o di tapparsi le orecchie e gli occhi e fidarsi di questo o quello, rischiando, oppure potrebbero cercare di comprendere semplicemente dove attualmente il mare è davvero pulito e scegliere dove fare il bagno.

Proprio per venire incontro alle esigenze di chi “ci capisce poco” il tecnico dell’Arta, Carlo Spatola Mayo, a titolo esclusivamente personale, ha voluto creare una utile mappa colorata di tutte le spiagge abruzzesi elaborando i dati ufficiali dell’Arta e dando l’immediata percezione della qualità dell’acqua.

Secondo Spatola Mayo la presentazione dei dati sul sito ufficiale è scarna e «allo stato grezzo e manca la risposta semplice e chiara a quello che in realtà interessa alla gente: dove posso andare a fare il bagno senza correre il rischio di ammalarmi?».

L’elaborazione è davvero veloce e intuitiva e soprattutto aggiunge una informazione in più.

«Al di là dei limiti di legge», scrive Spatola Mayo sul suo blog,  «è chiaro che se posso scegliere tra un mare con zero colibatteri e uno con 490, entrambi accettabili, sceglierò quello che ne ha zero. Quindi ho introdotto di mia iniziativa una differenza, molto severa, tra i campioni che rientrano in un limite pari alla decima parte del limite di legge (quindi 50 per l’E.coli e 20 per gli enterococchi) per definire quei campioni che risultano sono davvero molto puliti e li ho individuati con il colore azzurro mentre gli altri, sempre nei limiti ma che non rispettano questa condizione, li ho evidenziati col verde. Ecco, in questo modo il quadro è più chiaro. Ora ho capito dove, nei prossimi mesi,  porterò i miei figli a fare il bagno. Ho fatto una mia personale sintesi  della situazione complessiva nella seconda colonna».

Dunque il colore verde indica che i livelli sono entro i limiti di legge il colore blu che l’acqua è davvero pulita o addirittura priva di colibatteri.

Si vede subito come ad aprile e maggio le zone blu sono molte di più rispetto a quelle che appaiono nel mese di giugno (a destra della tabella).

Dunque ora avete anche un utile strumento per decodificare e verificare le tante dichiarazioni pubbliche degli amministratori pubblici.

Un'ultima precisazione va fatta e riguarda i divieti di balneazione che vengono posti sulla base anche delle analisi precedenti. Dunque potrebbe accadere che le ultime analisi siano positive e di trovare comunque il divieto (come accade per esempio per Città Sant'Angelo su entrambi i tratti campionati, ad Ortona a nord del fiume Foro e altri).

Ecco la tabella (CLICCA PER INGRANDIRE):
  

ABRUZZO Balneazione-2016-1

LA CLASSIFICAZIONE UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO

Per il 2016 la giunta regionale ha classificato tutta la costa abruzzese secondo i criteri e parametri di legge giudicando ogni tratto sulla media delle analisi per un periodo lungo giudicando "scarse" le acque di balneazione che hanno valori spesso oltre i limiti di legge ed indicato con il colore rosso.

Con il colore giallo sono indicati i tratti "sufficienti", con il colore verde quelli "buoni" e con il blu i tratti giudicati "eccellenti".

(CLICCA PER INGRANDIRE)

BALNEAZIONE Classificazione Acque Ufficiale Regione Abruzzo


MONTESILVANO E FRANCAVILLA FESTEGGIANO

Se Pescara non ride e si appresta a vivere una stagione difficile Montesilvano e Francavilla pare che passeranno un’estate ben più felice.

Risultati perfettamente nella norma quelli relativi alle acque di balneazione di Montesilvano. A dirlo sono le analisi condotte dall’Arta. Sono stati resi noti, infatti, i dati emersi dai campionamenti effettuati lo scorso 15 giugno, nei 4 punti di prelievo posti sul territorio.


«Ancora una volta - afferma l’assessore alle politiche ambientali, Fabio Vaccaro - le acque di balneazione di Montesilvano confermano la loro ottima qualità. I 4 prelievi infatti hanno messo in evidenza valori ampiamente entro i limiti legislativi, confermando non solo i risultati dei primi tre campionamenti relativi a questa stagione estiva, ossia di aprile, maggio ed ora di giugno, ma anche quelli degli ultimi 6 anni».


Nello specifico, per quanto riguarda i valori di Enterococchi, che non devono superare 200 UFC/100 ml, nella zona della Foce di Fosso Mazzocco il risultato è <4 UFC/100 ml, in via Bradano <4, in via Leopardi 23, e nella zona a 100 metri a sud della foce del Fiume Saline di 14 UFC; in merito al valore di escherichia coli, che non deve superare 500 MPN/100 ml, nella zona a 100 metri a sud la foce del Fiume Saline è di 137 MPN, 75 MPN nella zona antistante via Leopardi, <10 in via Bradano e <10 nella zona di Fosso Mazzocco.


Proprio la zona antistante Fosso Mazzocco è stata oggetto di un campionamento straordinario, su richiesta del Comune, eseguito dall’Arta lo scorso 8 giugno, che riportò valori perfettamente nei limiti legislativi, ossia <4 per gli enterococchi e <10 di escherichia coli. E sempre nella zona di Fosso Mazzocco sono stati eseguiti dei sopralluoghi anche della Polizia Locale.


«Stiamo ponendo la massima attenzione sulla salubrità delle acque e sulle tematiche ambientali - conclude Vaccaro - non a caso proprio ieri abbiamo sottoscritto insieme ai Comuni limitrofi, all'Arta e alla Polizia provinciale un protocollo al fine di promuovere un corso di alta formazione, che si terrà domani a Palazzo di Città, dedicato alle Polizie Locali, relativo alle metodologie di campionamento delle acque».



FRANCAVILLA

Come detto anche a Francavilla c’è da stare allegri.

L’Arta stamattina  ha trasmesso ufficialmente al Comune i dati relativi ai prelievi effettuati sulle acque marine il 14 giugno scorso.

Nello specifico, le analisi riguardano gli specchi acquei antistanti Fosso Pretaro, Piazza Adriatico (Rotonda Asterope), Fiume Alento, Piazza Sirena, Via Tosti – Via Cattaro, Fosso San Lorenzo.


Ebbene, in tutte le zone i dati relativi ad escherichia coli ed enteroccochi sono ampiamente al di sotto dei limiti massimi fissati dalla legge.


«Ciò significa – dichiara il sindaco, Antonio Luciani – che la qualità delle acque marine di Francavilla al Mare, sull’intero territorio, è ottima e che la balneazione è consentita senza alcun problema. L’operazione mare limpido – fa presente il primo cittadino – sta dando i suoi frutti e ciò comporterà senza ombra di dubbio un ritorno importante per la città in termini di immagine, turismo, ricettività e indotto economico».


I cittadini possono controllare i risultati delle analisi sull’aggiornatissimo sito internet del Ministero della Salute all’indirizzo www.portaleacque.salute.gov.it