L'ELENCO

Masterplan, pioggia di milioni sull’Aquilano

Decine di interventi programmati. Oggi la presentazione in Regione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

408

Masterplan, pioggia di milioni sull’Aquilano

 

ABRUZZO. Ben 10 mln per la pista ciclabile Aterno, che si svilupperà come un’infrastruttura ecosostenibile che in prospettiva potrà connettersi con la dorsale adriatica e il Lazio; 10 milioni per la montagna e in  particolare per il bacino sciistico di Campo Felice; 11 milioni per il miglioramento del collegamento ferroviario tra L’Aquila e Pescara, che diventerà diretto con tempi di percorrenza pari a circa un’ora; 37  milioni per il progetto della Variante Sud, prima parte della velocizzazione del collegamento tra il capoluogo  e la città adriatica, a cui se ne devono aggiungere oltre 50 per l’adeguamento della Mausonia con le  infrastrutture urbane necessarie con l’impegno a inserire la direttrice tra le priorità dell’Allegato  infrastrutture nazionale; 18 milioni per i dottorati di ricerca che riguardano per il settanta per cento la  provincia dell’Aquila; oltre 2 milioni sull’edilizia religiosa con interventi e restauri per il Museo Nazionale  d’Abruzzo all’ex Mattatoio all’Aquila, le chiese di San Paolo a Barete, di Santo Stefano a Tornimparte, quelle  aquilane di Santa Giusta a Bazzano, di San Sisto, di Santa Chiara, di Santa Maria di Roio, di Santa Giusta a Bazzano, della Concezione a Paganica, di San Giovanni a Montereale, per il Museo sito nel Convento di San Giovanni a Capestrano e per il complesso di Santa Maria Assunta a Caporciano; 15 milioni per la valorizzazione e lo sviluppo turistico strategico che comprende il recupero dei borghi delle aree interne.

 

Sono i principali interventi contenuti nel Masterplan appena approvato dalla Giunta regionale che riguardano direttamente L’Aquila ed il suo territorio.

La presentazione si è svolta stamattina, in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il segretario del Partito Democratico dell’Aquila, Stefano Albano, il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Stefano Palumbo, il consigliere regionale, Pierpaolo Pietrucci, assieme al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e al sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente.

Presenti i primi cittadini di Ovindoli, Rocca di Mezzo, Rocca di Cambio e Scoppito.

 

Pietrucci dal canto suo ha rivendicato il grande sforzo fatto per L’Aquila, che «ha segnato un nuovo corso tra i rapporti tra la Regione e il capoluogo, a cominciare dalla ricostruzione, c’è un protagonismo che con Gianni Chiodi non avevamo riscontrato».

 

Secondo Pietrucci che con D’Alfonso aveva avuto anche scontri violenti nel Masterplan c’è una svolta: «per la prima volta si punta sulla montagna, con gli interventi su Ovindoli e Campo Felice: la Regione ne ha compreso la strategicità per lo sviluppo. Poi è significativo lo sforzo sulle infrastrutture, tale da poterci far dire che con queste opere andiamo a colmare il gap con la costa».

 

 

Per D’Alfonso la Regione Abruzzo non faceva un tale sforzo programmatorio dai «tempi di Emilio Mattucci».

 

Il presidente della Giunta ha confermato l’obiettivo di approvare la legge per L’Aquila capoluogo entro giugno, la prossima presentazione del progetto del nuovo casello autostradale a L’Aquila ovest e chiarito che i dieci milioni per la riqualificazione dell’ex ospedale psichiatrico di Collemaggio sono integrabili con nuove risorse che si renderanno necessarie.

 Cialente ha lodato l’impostazione del Masterplan, parlandone  come di «un insieme di tessere rivolte a diversi settori» che vanno a comporre un progetto strategico.

 

Secondo il Presidente della Regione, la data dell'approvazione del Masterplan segna anche l'inizio di una nuova stagione politica del fare che stimola l'abbattimento di ogni barriera localistica e si muove nella direzione di un obiettivo di crescita comune: «è in gioco il futuro dell'Abruzzo e la sua capacità di generare crescita economica e sviluppo sociale».