SOMMERSO

Evasione e frode fiscale, denunciate 277 persone in Abruzzo

Scoperti 194 evasori totali nel 2015

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

736

Evasione e frode fiscale, denunciate 277 persone in Abruzzo

ABRUZZO.  Proposte di sequestro di beni per circa 375 milioni di euro in seguito ad indagini per evasione fiscale a persone e società, di cui circa 67 già effettuati: di questi circa 47 sono contributi illecitamente richiesti e percepiti nella ricostruzione post terremoto. Sono alcuni dei numeri dell'attività della Guardia di Finanza in Abruzzo nel 2015.

   Il bilancio "a tutela dell'erario e della collettività" è stato presentato in una conferenza stampa all'Aquila tenuta dal comandante regionale, il generale Flavio Aniello. A proposito di evasione e frode fiscale, sono state 277 le persone denunciate, di cui 8 arrestate. Sono 194 gli evasori totali, cioè persone sconosciute al fisco e 26 quelli paratotali, individuati.

   Le fiamme gialle hanno puntato molto come succede da alcuni anni, sul controllo della spesa pubblica: scovando circa 3,5 milioni di euro di contributi a carico del bilancio dell'unione europea indebitamente percepiti che amministratori poco accorti dovranno restituire su una somma totale di contributi controllati di circa 13 milioni di euro.

In tal senso, sono 62 le denunce per contributi europei indebitamente percepiti, a cui si aggiungono 81 denunce per frodi relative a finanziamenti nazionali.

   In quanto alle responsabilità amministrative per danni erariali, i soggetti segnalati, tra cui amministratori poco accorti, sono stati 208, 99 i controlli eseguiti e oltre 19 milioni i danni segnalati che potenzialmente dovranno essere restituiti.

Ritenuti importanti anche i dati sul contrasto alla criminalità organizzata: sono 132 i soggetti sottoposti ad accertamenti economico-patrimoniali con proposte di sequestro per circa 5 milioni, di cui circa 3,2 arrivati a compimento.     Altro dato su cui riflettere è che dei 211 controlli eseguiti su prestazioni sociali, la metà, 104, sono risultate irregolari.

Sul fronte del lavoro in nero, sono 217 i lavoratori scoperti, 120 i datori di lavoro denunciati. Sul fronte del contrasto al gioco e alle scommesse illegali 25 le violazioni riscontrate.

Intenso anche il contrasto alla produzione e distribuzione di prodotti contraffatti: 102 le denunce, 4.395.806 le unità di prodotti sequestrati, di cui circa 3,1 milioni per violazione della normativa made in Italy.