DEBITI FUTURI

Maiella Morrore: sì allo spalma-debiti, evitato scioglimento

Oggi in scadenza maxi rata. Dilazione a luglio 2016

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

121

Regione: la beffa per i tirocinanti, spunta un corso obbligatorio non inserito nel contratto

L'assessore Sclocco

L’AQUILA. Dopo un lavoro di mediazione lungo e meticoloso Equitalia ha accettato il piano di ammortamento dei debiti della Comunità montana Maiella Morrone, evitando in questo modo lo scioglimento dell'ente.

L'annuncio è dell'assessore alle Politiche sociali, Marinella Sclocco, che con il commissario della Comunità montana, Cinzia De Santis, ha portato avanti la trattativa sul piano di ammortamento.

«Il via libera di Equitalia alla dilazione del pagamento dei debiti pregressi - spiega la Sclocco - di fatto salva la Comunità montana Maiella Morrone dallo scioglimento. A questo straordinario risultato si è arrivati grazie alla costanza e al lavoro portato avanti dalla Regione Abruzzo e dal commissario De Santis. Abbiamo ricostruito tutti i rapporti con i comuni, abbiamo ottenuto da questi la disponibilità a pagare il pregresso, avviando con Equitalia il confronto sui numeri di un piano di rientro che alla fine è stato ritenuto credibile».

I numeri parlano di una spalmatura di un debito di oltre 1,1 milioni di euro che gli enti locali e Comunità montana dovranno pagare entro luglio 2016, evitando in questo modo i problemi che sarebbero sorti successivamente al mancato pagamento della maxi rata in scadenza oggi. Se dunque l'emergenza finanziaria della Comunità montana è stata in parte risolta, rimangono in piedi i problemi legati alla gestione dei servizi sociali nell'area di riferimento. Il dato certo è che «fino a primi mesi 2016 - chiarisce l'assessore alle Politiche sociali - la gestione dei servizi rimane affidata alla Srl. Ad oggi la società che gestisce i servizi non può essere liquidata perché la Comunità montana non ha ancora ricevuto i bilanci della società stessa per valutare quale linea di azione intraprendere. A quel punto - aggiunge Marinella Sclocco - la Comunità montana e l'Unione dei sindaci decideranno se procedere con un nuovo bando pubblico o affidare direttamente ad una società la gestione dei servizi sociali nel rispetto delle garanzie lavorative del personale. In questo momento - conclude l'assessore Sclocco - è importante aver scongiurato lo scioglimento della Comunità montana, nella prospettiva che i prossimi mesi dovranno essere spesi per riportare alla normalità l'erogazione dei servizi sociali nell'area della Maiella pescarese».