CACCIA

Regione Abruzzo: approvato il calendario venatorio 2015-2016

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

374

caccia

 

ABRUZZO. La Giunta regionale, nella seduta di ieri, ha approvato il calendario definitivo della stagione venatoria 2015-2016. Tenuto conto della vigente legislazione regionale sulla materia (L.R. 28.02.2004, n. 10, e s.m.i.), nonché delle disposizioni dettate dalla normativa comunitaria e nazionale, sul territorio abruzzese libero da vincoli di tutela racchiuso negli Ambiti territoriali di caccia (ATC), la stagione venatoria ha inizio il 2 settembre 2015 e termina il 31 gennaio 2016, con le prescrizioni riportate nel calendario scaricabile al sito della Regione Abruzzo.

L'attività venatoria, con esclusione della caccia di selezione, si svolge per un massimo di tre giorni settimanali ad esclusione del martedì e venerdì.

La caccia al cinghiale è consentita, ad esclusione di quella di selezione, nelle giornate di mercoledì, sabato, domenica e festivi infrasettimanali. Il numero delle giornate di caccia settimanali non può essere superiore a tre.

La caccia a starna, fagiano e lepre è consentita tre giorni settimanali a scelta, con il divieto di esercitare il prelievo il lunedì se continuativo con le due precedenti giornate di caccia del sabato e della domenica.

All'interno dei distretti di gestione della Coturnice il prelievo venatorio di tutte le specie cacciabili è autorizzato a partire dal 3 ottobre 2015. Dal 21 gennaio fino al termine della stagione venatoria la caccia è consentita esclusivamente da appostamento fisso o temporaneo da esercitarsi ad una distanza superiore a 500 metri da zone umide frequentate da uccelli acquatici (laghi, bacini artificiali, aree di foce) e da pareti rocciose potenzialmente idonee alla nidificazione di rapaci rupicoli. Nel documento licenziato ieri, viene specificato che per la caccia in preapertura vigono le prescrizioni indicate dal C.V. Abruzzo 2015/2016, permanendo il divieto nella Zona di Protezione Esterna (ZPE) del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (PNALM), nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS) e nei Distretti di Gestione della Coturnice.