CONSEGUENZE DELLA DITTATURA

«Le trivelle inquinano sempre anche se non c’è un incidente»

Santarelli: «il problema è l’utilizzo delle sostanze chimiche per petrolio»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

413

«Le trivelle inquinano sempre anche se non c’è un incidente»

ABRUZZO. «L'inquinamento legato alla ricerca ed estrazione di idrocarburi in mare è causato in gran parte dalle sostanze chimiche utilizzate nelle operazioni e nelle attività routinarie che si fanno su piattaforme e navi e non soltanto da eventuali incidenti e dal petrolio in quanto tale».

 Così l'esperto in analisi delle reti, Marco Santarelli, direttore di R&S on Network, nel giorno della Conferenza dei Servizi sul progetto per estrazione petrolifera 'Ombrina Mare'.

«La presenza dell'industria petrolifera in Abruzzo e in Adriatico - sottolinea Santarelli - può avere significativi impatti sociali e ambientali derivanti da incidenti e da attività di routine come l'esplorazione sismica, perforazioni e scarti inquinanti. La ricerca e l'estrazione petrolifera sono costose e spesso danneggiano l'ambiente, in particolar modo quello marino. L'estrazione può essere preceduta da dragaggi, che compromettono i fondali e la vegetazione, fondamentale nella catena alimentare marina».

 Il direttore di R&S on Network cita poi gli esempi di «Alaska, Galapagos, Spagna e di tutti quei luoghi in cui il greggio e il petrolio raffinato fuoriusciti da petroliere incidentate hanno danneggiato fragili ecosistemi».

 Se, però, gli incidenti sono solo un rischio, secondo l'esperto, tra le cause principali d'inquinamento ci sono le attività di manutenzione e sostituzione delle pompe che estraggono il greggio.

«Durante queste operazioni - spiega Santarelli - si mette in contatto il giacimento petrolifero con l'atmosfera attraverso il 'buco' di perforazione. Per evitare l’eruzione del greggio si riempie la colonna che collega la piattaforma al giacimento con il 'Mud', che, tradotto dall'inglese, significa fango, ma in realtà è un mix di prodotti chimici, i quali, in certi casi, hanno un elevato indice di tossicità. In particolare, nei pozzi petroliferi off-shore, come quelli che interessano l'Adriatico - aggiunge - si usa un Mud costituito da oli sintetici con un certo grado di tossicità».

«Nel corso della mia esperienza sulle piattaforme petrolifere - racconta l'esperto - ho potuto osservare che il Mud non di rado viene disperso in mare. Esiste una procedura di recupero che teoricamente deve essere rispettata, ma, a volte, a causa di perdite oppure delle cattive condizioni meteo, il Mud finisce comunque per essere disperso. L'inquinamento, quindi - sottolinea - diviene una costante dei processi di estrazione e lavorazione del petrolio».

 Per Santarelli «tutti gli studi e i dati sui consumi e sul fabbisogno di energia in Italia ci dicono che il petrolio e le piattaforme non servono. Di conseguenza, basterebbe creare delle reti intelligenti, fatte di connessioni intelligenti tra gli impianti per la produzione di energia rinnovabile preesistenti ed in uso nel Paese. Dobbiamo pensare a nuove forme di ottimizzazione dell'energia in eccesso, a capire bene e seriamente l'energia che fa grandi picchi, come, ad esempio, quella eolica, e a creare sistemi di monitoraggio e reti seriamente intelligenti, concentrandoci sul contesto in cui si opera, facendo funzionare gli impianti rinnovabili di recente costruzione e promuovendo il riutilizzo e la modernizzazione dei vecchi sistemi», conclude l'esperto.