REGIONI

Abruzzo e Molise insieme contro lo spopolamento dei piccoli centri

Firmato accordo tra i due presidenti di Regione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

198

Abruzzo e Molise insieme contro lo spopolamento dei piccoli centri

 

TRIVENTO (CAMPOBASSO). I presidenti di Abruzzo e Molise, Luciano D'Alfonso e Paolo di Laura Frattura, hanno siglato, con le rispettive giunte regionali, un documento finale al termine dell'incontro tenuto ieri sera a Trivento (Campobasso) sul tema dello spopolamento con il quale «assumono la sollecitazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del 31 luglio 2015» e si impegnano «a sviluppare in un'ottica di cooperazione istituzionale la definizione di linee di intervento su una serie di argomenti».

 Questi i punti del documento: «Tutela dei diritti universali di cittadinanza e salvaguardia delle comunità locali delle aree interne così come individuato dal documento della Diocesi di Trivento a partire dalla scuola, dalla sanità, dall'assistenza sociale e dal trasporto pubblico; promozione di azioni tese a favorire il potenziamento delle infrastrutture materiali e immateriali, quali la viabilità, la connessione veloce, l'utilizzo dell'acqua e gli incentivi a sostegno delle produzioni agricole di qualità, dell'artigianato, del turismo e del territorio; ad intraprendere iniziative congiunte a livello nazionale su forme di agevolazioni fiscali su politiche attive del lavoro potenziate e peculiari e sulla salvaguardia dei presidi dello Stato in tema di sicurezza dei cittadini».

 Nel documento i presidenti concludono impegnandosi «affinché sui rispettivi territori sia pienamente affermata la garanza dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali da assicurare a tutti, perseguendo un modello di collaborazione istituzionale improntato a valorizzare le potenzialità locali attraverso un dialogo permanente con le comunità e con il partenariato economico e sociale, all'insegna del principio di sussidiarietà verticale e orizzontale, prendendo spunto da valori e idealità riportati anche nell'Enciclica Rerum Novarum di Papa Leone XIII».

 «L'Abruzzo e il Molise non ce la faranno mai ad essere organi attrattori a livello nazionale se non possono presentare una vita forte nei piccoli centri», ha detto il presidente della Giunta regionale, Luciano D'Alfonso, «i nostri territori regionali hanno questa caratteristica - ha aggiunto - hanno la loro forza nei piccoli centri e soprattutto nella irripetibilità dei piccoli centri. Ed è in queste aree che si apprezza il mantenimento della qualità della vita, che poi rappresenta la vera ricchezza e il valore aggiunto di un territorio da collocare sul piatto del mercato turistico e culturale nazionale».

 La Giunta regionale congiunta Abruzzo-Molise di Trivento è stata l'occasione per i due esecutivi per fare il punto di una politica comune in materia di sviluppo delle aree interne: dalla scuola al potenziamento dei servizi fino ad un'alleanza, nei fatti già esistente, per le grandi opere. Il pensiero va alla diga di Chiauci, un'opera idraulica di imponente importanza che attende la conclusione da anni.

«Ci pensiamo - ha detto D'Alfonso - e soprattutto stiamo facendo le nostre scelte. L'Abruzzo, vi posso assicurare, calerà nel Patto per il Sud la carta del completamento della diga di Chiauci. Spero che la stessa cosa faccia il Molise, in modo da dare e corpo e sostanza ad un patto con il governo nazionale che porti alla conclusione un'opera essenziale per il territorio».