L'INCIDENTE

Lanuvio, precipita elicottero: due morti. Addio a Fischione pilota aquilano

Indagini in corso, si ipotizza guasto tecnico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1061

Lanuvio, precipita elicottero: due morti. Addio a Fischione pilota aquilano

L'elicottero precipitato

 

ROMA. Sono ancora ignote le  cause dell’incidente che ha coinvolto ieri sera un elicottero ultraleggero. Il mezzo è precipitato nella campagna nella zona di Lanuvio. Morte le due persone che erano a bordo.

I soccorsi sono scattati subito ma per gli occupanti non c’è stato nulla da fare.

I loro corpi sono stati recuperati dai vigili del fuoco intervenuti sul luogo dell'incidente. L'elicottero ultraleggero civile è precipitato in un campo in cui si coltivano kiwi.

 Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri ai comandi del velivolo c’era Paolo Caruso, di 65 anni originario di Misterbianco (Catania). Copilota invece era l’aquilano Gino Fischione, esperto sia di aerei sia di elicotteri, ex colonnello dell’aeronautica militare e, una volta in pensione, collaudatore dell’Agusta. Fischione lascia la moglie, anche lei aquilana e una figlia. Pur vivendo a Ciampino, molto spesso tornava all’Aquila dove era molto conosciuto e stimato.

Sembra che i due stessero provando – forse perché interessati all’acquisto – un elicottero R22 della Iri di Aprilia, azienda dalla quale erano partiti. Sull’episodio indaga la Procura della Repubblica di Velletri. Le indagini sono affidate ai carabinieri di Velletri: si ipotizza il guasto tecnico.