CINEMA

“Shuna”, il western italiano girato in Abruzzo

Le riprese del film con Alessandro Parrello ed Enzo G. Castellari svolte a Cappadocia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

594

“Shuna”, il western italiano girato in Abruzzo

ABRUZZO. È uscito da questa settimana su Rai Cinema Channel e da oggi è online anche su Condè Nast live, il western Shuna, diretto da Emiliano Ferrera, con protagonista maschile Alessandro Parrello nei panni del sanguinario fuorilegge Joe Galvèz. Prodotto da West 46th Films e da Giampaolo Duranti, il film vede anche la partecipazione straordinaria di Enzo Girolamo Castellari. Ad interpretare la protagonista femminile Shuna è l’attrice Hong-Hu Ada. Tra gli altri interpreti anche Franco Trevisi, Laura Baldi, Simone Pieroni, Andrea Fioravanti, Marco Caldoro e la giovane Angela Pablico. 

Le riprese si sono svolte quasi interamente in Abruzzo, tra le bellissime vallate di Camporotondo di Cappadocia (L’Aquila), ma la storia è ambientata nel Nuovo Messico, 1874. 
Una misteriosa donna Indiana, conosciuta con il nome di Shuna, si imbatte e uccide il fratello del temuto bandito Joe Galvèz, liberando le due schiave rapite dai fuorilegge. Galvèz trova il fratello morto e a questo punto vuole vendetta. Assieme ai suoi due uomini, Little Jim e Chester, inizierà a dare la caccia all’indiana, che però è veloce e imprevedibile come una serpe sotto un sasso.

Paesaggi mozzafiato, cavalli, scenografie perfette, grande fotografia, tanta polvere e pistole, ci riportano indietro di quasi 50 anni quando, a partire da Sergio Leone, gli spaghetti western segnarono un’epoca d’oro di quel cinema italiano che piace tanto a Quentin Tarantino. Per i molti appassionati, Shuna potrebbe segnare il ritorno del genere anche in Italia e l’Abruzzo tornare ad essere il set naturale di queste pellicole. 
Questo il link per vedere il film sul sito ufficiale di Rai cinema.