VERSO IL FUTURO

Turismo: D'Alfonso chiama i privati: «c’è bisogno del vostro impegno»

9 milioni di euro per l’Open day Abruzzo

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

215

Turismo: D'Alfonso chiama i privati: «c’è bisogno del vostro impegno»

ABRUZZO. «Siamo pronti a lanciare l'Open Day Abruzzo, mettendo a disposizione 9 milioni di euro per i prossimi 10 anni. Tutti saranno chiamati a partecipare, offrendo il meglio di sé, per un giorno, fino alla quasi gratuità».

Lo ha detto il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, durante l'incontro tenutosi a Pescara, con il giornalista Lorenzo Salvia, autore del libro "Resort Italia. Come diventare il villaggio turistico del mondo e uscire dalla crisi".

«Un punto di Pil per noi vale 250 milioni di euro e questa iniziativa può farci guadagnare fino a due punti di Pil. Vogliamo convincere - ha proseguito D'Alfonso - quei 60 milioni di persone che conoscono l'Abruzzo e sono tentati di venirci in vacanza a fare questo passo. Sono convinto che ce la possiamo fare, noi siamo pronti a metterci del nostro, sul piano dell'impegno e delle risorse, presto porteremo i tempi di percorrenza ferroviaria tra Pescara e Roma a 3 ore e 5 minuti. Per rilanciare il turismo, in questa regione che già conta 110 mila posti letto, occorre però anche un nuovo protagonismo del privato».

D'Alfonso ha poi reso omaggio all'ex governatore della Puglia, Nichi Vendola.

«La Puglia - ha spiegato - è un esempio in cui la politica si è messa alla guida e i privati sono arrivati dopo. È riuscito a cucire diversi elementi, dal mare alla musica all'enogastronomia e a dare vita ad una narrazione compiuta».

Lorenzo Salvia ha osservato che «l'Abruzzo ha grandi potenzialità per crescere, anche perché esistono margini sconfinati di sviluppo, considerando che attualmente solo il 13 per cento dei turisti stranieri sceglie le zone al di sotto di Roma e che presto inizierà a scemare l'attrattività del triangolo Roma-Firenze-Venezia. «Oggi il turista cerca nuove mete e nuove esperienze - ha aggiunto Salvia - è attratto dalle attività fisiche e all'aperto ed è più interessato ad un luogo semisconosciuto dove scoprire una chiesetta o delle tipicità enogastronomiche che alle grandi capitali del turismo. L'Italia è prima nelle intenzioni di viaggio dei turisti e solo quinta nelle scelte effettive. Occorre lavorare per colmare questo gap».
--