BENVENUTO

Giornalismo, premio Sulmona al giornalista Chiocci. «Polemiche inutili»

Protestano ordine giornalisti e sindacato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

294

Giornalismo, premio Sulmona al giornalista che ha chiuso la redazione de Il Tempo abruzzo

Gian Marco Chiocci

ABRUZZO. Un premiazione che proprio non va giù ai giornalisti abruzzesi e che investe il direttore del quotidiano Il Tempo.

Già proprio il giornale che nei mesi scorsi ha chiuso i battenti in Abruzzo. Riorganizzazione interna e colpo di spugna sulla sede locale e giornalisti a casa. Oggi però il direttore che ne decretò la fine viene premiato con tanto di targa d’oro.

Gian Marco Chiocci è infatti il vincitore del Premio Sulmona di giornalismo. Lo ha deciso la giuria della manifestazione, presieduta dal giornalista Rai Paolo Corsini. Chiocci sarà premiato sabato 3 ottobre, alle ore 17.30, al Polo Museale Civico Diocesano di Sulmona, in occasione della cerimonia di chiusura del 42° Premio Sulmona-Rassegna internazionale di arte contemporanea, presentata dalla giornalista 

L’Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo e il sindacato dei Giornalisti Abruzzesi non se ne stanno in silenzio. Anzi,  esprimono «indignazione» per il conferimento del Premio Sulmona al direttore Gian Marco Chioggi «che solo qualche mese fa ha ritenuto di dovere chiudere la redazione abruzzese del giornale, mettendo fine a 60 anni di storia e costringendo decine di nostri colleghi a vivere un futuro incerto e molto difficile. La circostanza vorrebbe che regione e comune si astenessero dal consegnare riconoscimenti di sorta».

Succederà?

Protesta anche Donato Fioriti, Presidente Argalam -il gruppo territoriale di specializzazione agro alimentare ed ambientale di Lazio, Abruzzo, Molise della FNSI. «Davvero sembra di essere su scherzi a parte», aggiunge Fioriti. «La Regione Abruzzo segna il territorio, abbandonato dal quotidiano Il Tempo, con una sua targa ad imperituro ricordo proprio al direttore di quel giornale: un ulteriore schiaffo ai colleghi che hanno perso il posto di lavoro! Questa azione della Regione  -conclude Fioriti -denota sicuramente scarsa sensibilità e getta una luce sinistra sulla vicenda pregressa, ponendo in difficoltà, tra l'altro, il professionista premiato».

Nell’ambito di una ristrutturazione complessiva dell’organizzazione, l’editore del Tempo ha deciso per la chiusura della redazione regionale di Pescara, che si occupava dell’edizione Abruzzo e Molise del giornale. Dieci in tutto i giornalisti contrattualizzati, finiti in cassa integrazione a zero ore. A questi si aggiungono circa 25 persone tra collaboratori e fotografi.

 PRESIDENTE DI GIURIA: «CHIOCCI SI E’ BATTUTO PER LA REDAZIONE ABRUZZESE»

«Stupiscono le dichiarazioni del Presidente dell’Ordine dei giornalisti d’Abruzzo, Stefano Pallotta e del segretario del Sindacato dei giornalisti abruzzesi, Paolo Durante», commenta  il presidente della giuria del Premio Sulmona di giornalismo, Paolo Corsini. «Forse troppo presi dai loro incarichi negli organismi di categoria hanno dimenticato le basi del mestiere di giornalismo. Una telefonata all’organizzazione del Premio avrebbe potuto chiarire la vicenda. Innanzitutto il Premio Sulmona di giornalismo è organizzato dal Circolo di arte e cultura “Il Quadrivio” e non da altri enti o amministrazioni pubbliche. Il Premio Sulmona viene assegnato al singolo collega Gian Marco Chiocci e non all’editore. Tutti conoscono la dolorosa vicenda dei 10 colleghi della redazione Abruzzo del quotidiano “Il Tempo”, così come tutti sanno quanto il direttore Gian Marco Chiocci si è battuto per un intero anno dal suo arrivo per cercare di mantenere le edizioni locali del giornale. Che la crisi colpisca il settore dell’editoria è noto: tutte le testate sono o in stato di crisi o in solidarietà, e mettono in atto prepensionamenti, blocco delle assunzioni e taglio delle collaborazioni. Questo però non può impedire di premiare l’eccellente lavoro dei colleghi, che viene portato avanti nonostante le difficoltà del settore».

LA MOTIVAZIONE

Il premio per la sezione “carta stampata e web” viene assegnato a Gian Marco Chiocci, direttore del quotidiano “Il Tempo”.

Considerato uno dei più importanti giornalisti di inchiesta italiani, Chiocci si è formato sul finire degli anni ’80 proprio al quotidiano “Il Tempo”, per poi approdare al quotidiano “Il Giornale” dove è stato, per circa 20 anni, uno dei giornalisti di punta della testata fondata da Indro Montanelli, per cui ha seguito molti casi di cronaca giudiziaria tra cui il crac Parmalat e la vicenda del Monte dei Paschi di Siena. Nell’estate 2013 è avvenuto “il ritorno a casa”, come lui stesso lo ha definito, con la direzione del quotidiano “Il Tempo”, testata che ha provveduto a rilanciare, puntando soprattutto sul giornalismo di inchiesta.

Il rilancio di un giornale che in Abruzzo ha lasciato a piedi più di trenta persone tra collaboratori e dipendenti.