INTERNET

Abruzzo, banda ultralarga per 60 comuni, firmato l’accordo

Intervento costerà 9,6 milioni di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1562

Abruzzo, banda ultralarga per 60 comuni, firmato l’accordo

ABRUZZO. E’ stato firmato l’accordo tra Regione Abruzzo e Ministero dello Sviluppo economico per avviare la gara d’appalto finalizzata a portare la banda ultralarga a 30 Mbps in 60 Comuni al di sotto dei 4.500 abitanti.

 L’intervento beneficerà dei fondi PAR-FSC 2007-2013 per complessivi 9 milioni 600mila euro.
La Regione Abruzzo sta accelerando con forza sull’abbattimento del digital divide, secondo quanto previsto dall’Agenda digitale europea che è uno dei sette pilastri del piano strategico Europa 2020. Alla data odierna, sul territorio regionale è programmato un intervento per il completamento dell’infrastruttura di accesso di prima generazione. Attualmente è stata pubblicata la gara d’appalto per l’aggiudicazione dei lavori di realizzazione dell’opera per un importo pari a 7 milioni 350mila euro. L’intervento coinvolge 175 Comuni e le relative 537 frazioni.
A seguito dell’incontro tenutosi presso la sede del Ministero lo scorso 9 settembre è stato concordato che il Governo stanzierà già dal 2016, a seguito di un Accordo di Programma con la Regione Abruzzo da stipularsi entro la fine dell’anno, le risorse che il CIPE ha destinato al Piano Nazionale per la banda ultralarga per la copertura a 100 Mbps di 50 Comuni con popolazione superiore ai 4.500 abitanti già individuati dalla Regione Abruzzo; si inizierà con le municipalità di Roseto, Lanciano, Ortona, Giulianova, San Salvo, Vasto, Avezzano e Atri.

Nelle successive annualità e comunque entro il 2018 il Ministero stanzierà tutti i fondi necessari per il completo raggiungimento degli obiettivi fissati da Europa 2020 per la banda ultralarga (100% della popolazione coperto ad almeno 30 Mbps e 50% della popolazione coperto ad almeno 100 Mbps).
Sul territorio regionale è altresì attivo un intervento per la realizzazione dell’infrastruttura di rete in banda ultralarga a 30 Mbps in 93 Comuni. L’intervento, del valore complessivo di 25 milioni, è finanziato dal PSR-FEASR Abruzzo ed è rivolto alle aree rurali ricadenti nel Cluster D di cui alla zonizzazione operata nel Piano nazionale banda ultralarga. La gara d’appalto è stata esperita e sono in avvio i lavori di realizzazione da parte delle ditte aggiudicatarie.

La zonizzazione del territorio regionale operata dal Piano nazionale per la banda ultralarga individua 50 Comuni ricadenti nei cluster A, B e C per i quali deve essere programmato un intervento in banda ultralarga a 100 Mbps. In alcuni di essi – i più popolosi – è stato dichiarato l’interesse del privato, pertanto l’intervento pubblico sarà solo per completare quelle porzioni di tali Comuni che l’operatore privato non realizzerà. Per i Comuni privi di copertura dei privati con densità abitativa più alta si interverrà attraverso la sinergia dei fondi stanziati dal CIPE per il Piano Strategico per la banda ultralarga (di cui alla decisione CIPE del 6 agosto scorso) e i fondi regionali del FESR Abruzzo 2014-2020 (programmati 19 milioni di euro).
L’Agenda digitale presentata dalla Commissione europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020, che fissa obiettivi per la crescita nell’Unione europea  da raggiungere entro il 2020. L’Agenda propone di sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) per favorire l’innovazione, la crescita economica e il progresso. La crisi finanziaria del 2008 ha messo in luce alcune carenze strutturali dell’economia europea. La strategia Europa 2020, avviata dalla Commissione europea nel 2010, rappresenta parte della risposta a questa crisi, fissando obiettivi in materia di occupazione, produttività e coesione sociale.