NO PETROLIO

Giunta D’Alfonso, impugnazione bis per lo Sblocca Italia: «andiamo alla Corte Costituzionale»

Approvate stamattina due delibere di giunta che ribadiscono la battaglia contro il petrolio

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

774

TRABOCCO NO PETROLIO JEMO INNANZI

ABRUZZO. Una decisione chiara, netta, formale contro l’assalto dei petrolieri al mare Adriatico e non solo.  Questa mattina in giunta sono state approvate due delibere, presentate dal Presidente Luciano D'Alfonso, con le quali si dà mandato all'avvocatura regionale di adire le vie legali per contestare la legittimità del Decreto ministeriale, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 6 maggio scorso, con il quale si dà attuazione all’art.38 dello Sblocca Italia, prevedendo l'applicabilità delle disposizioni ivi contenute anche ai titoli minerari vigenti e ai procedimenti in corso.

Dunque la vicenda della petrolizzazione si arricchisce di un nuovo capitolo giudiziario.

Dopo la decisione della Giunta di ricorrere alla Corte costituzionale contro gli artt. 37 e 38 del decreto legge "Sblocca Italia", che rischiano di trasformare l'Abruzzo in un distretto minerario per gli idrocarburi, l'esecutivo regionale è pronto a dare battaglia davanti ai giudici della Corte Costituzionale e del Tar del Lazio.ù

«In sostanza - spiegano in una nota il Presidente della Giunta e l'assessore Mazzocca - con questo decreto ministeriale si prevede che anche chi non ha alcun titolo possa chiedere il rilascio dell'attuale nuovo titolo concessorio unico. Il che evidenzia un profilo di illegittimità della norma, dal momento che l'art.38 comma 1 bis stabilisce che le attività di ricerca e di coltivazione degli idrocarburi possano essere esercitate sulla base di un titolo concessorio unico, ma solo previa adozione di un piano delle aree in cui sono consentite queste attività, piano da adottare dopo aver raggiunto un'intesa con la Conferenza Stato-Regioni».

 Ora questo piano non è stato ancora adottato e per questo si è di fronte a un decreto ministeriale che contrasterebbe con la stessa normativa statale.

Infatti, autorizzare la presentazione per il rilascio del nuovo "titolo concessorio unico", prima ancora che sia stato individuato e adottato il piano delle aree, «è palesamente contro la legge».

 Non solo. Esistono secondo la giunta D’Alfonso i presupposti giuridici necessari anche per proporre conflitto di attribuzione dinanzi alla Corte Costituzionale, per l'annullamento previa sospensiva, del suddetto decreto ministeriale.

«Ancora una volta - aggiunge l'assessore Mazzocca - ci troviamo di fronte a una marginalizzazione del ruolo delle regioni e ad una pratica legislativa che lede i principi di leale collaborazione, escludendo di fatto dai procedimenti in questione, così incisivi e determinanti per il futuro del nostro territorio, la partecipazione dell'amministrazione regionale, prevista invece dal legislatore statale. Per questo non ci rimane che chiedere il riconoscimento dei nostri diritti ai giudici del tribunale amministrativo. Infine - conclude Mazzocca - voglio esprimere soddisfazione per le dichiarazioni del neo governatore della Puglia, Michele Emiliano, il quale nel solco tracciato da Vendola e dalla Giunta D'Alfonso contro le trivellazioni in Adriatico, intende impugnare il Decreto del Governo innanzi alla Corte Costituzionale. Il no alle trivellazioni dell'Adriatico è un processo politico che da una parte si sostanzia in un'ampia mobilitazione delle popolazioni e delle Associazioni dei territori interessati, e dall'altra in un processo istituzionale che si concretizza in 'lettere', 'impugnative' e 'ricorsi'. Sono questi aspetti fondamentali della democrazia rappresentativa. Gli alti lai (e le corte idee) che si levano qui e là non possono svalorizzare tale processo nel sua interezza».

E ieri sera in Consiglio regionale è stato approvato all'unanimità una risoluzione urgente per promuovere un intervento della Regione Abruzzo contro l'ennesima 'trivella' in Adriatico (Spectrum) proposta da tutti i capigruppo, dall'Assessore all'Ambiente, Mario Mazzocca e dal Presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio.  Nella risoluzione si chiede l'intervento della regione contro il Decreto del ministero dell'Ambiente di dichiarazione della compatibilità ambientale del progetto riguardante le coste delle regioni Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Tuttavia al Ministero erano già pervenute numerose osservazioni da parte dei cittadini e di soggetti pubblici tra cui i comuni di Giulianova, Mosciano Sant'Angelo, Provincia di Chieti e associazioni ambientaliste come Legambiente e WWF.